Mister Massimo Morgia invita i suoi giocatori a mantenere la calma e ad avere pazienza
Mister Massimo Morgia invita i suoi giocatori a mantenere la calma e ad avere pazienza

Mantova, 25 dicembre 2018 - Massimo Morgia trasmette la sua volontà e le sue idee al Mantova che ha raggiunto il giro di boa conquistando il titolo di campione d'inverno, ma che è costretto a dare vita ad un serrato duello al vertice con un Como che rimane più che mai incollato: "Adesso ci prendiamo questa sosta (la serie D ripartirà il 6 gennaio - ndr) che farà bene a tutti - è l'esordio dell'allenatore biancorosso - Dobbiamo stare più tranquilli e non farci prende dall'ansia del risultato a tutti i costi. Anche dopo la fine del primo tempo con il Villafranca, un primo tempo che pure avevamo giocato ad una porta sola, ho visto negli spogliatoi facce più che preoccupate. Noi non siamo il Real Madrid, il Barcellona o la Juventus, siamo solo una squadra che sta dando tutta se stessa per fare le cose bene.

Non si può pensare che tutte le partite debbano finire 5-0, ma dobbiamo sapere che il ritorno sarà ancora più difficile. Dobbiamo quindi imparare a saper soffrire e a non innervosirci e nemmeno a farci prendere dall'impazienza di raggiungere il traguardo. Se ci lasciamo prendere dall'impazienza il girone di ritorno sarà difficile". A rendere il prosieguo di questa corsa serratissima più semplice potrà e dovrà pensarci un elemento particolarmente caro a Mister Morgia, il gruppo: "Quello che si riesce a fare non è merito solo di chi è in campo in quel preciso momento. Con il Villafranca, ad esempio, il gol è arrivato nella ripresa, dopo i cambi, ma avrebbe potuto arrivare nel primo tempo, senza dimenticare che nel secondo tempo siamo riusciti a segnare perché chi ha giocato dall'inizio ha aperto la strada a chi è entrato dopo ed ha potuto sfruttare gli spazi.

E' il gruppo (un gruppo che è stato rinforzato con l'inserimento di giocatori mancini visto che da questo punto di vista ne avevamo pochi) che vince ed in questo senso tutti i giocatori stanno facendo un lavoro davvero eccezionale. Mi dispiace solo di essere stato costretto a mandare in tribuna qualche giocatore che avrebbe ampiamente meritato di essere sul campo a festeggiare con i compagni". Feste che i biancorossi potranno far proseguire fino alla sera di venerdì 28, da sabato 29, con la ripresa degli allenamenti, si dovrà tornare a fare sul serio perché il Mantova non vuole certo lasciare a metà il suo capolavoro.