Mantova, 21 agosto 2018 - L’inutile scorrere delle ore non fa che aumentare l'incertezza sull'inizio della stagione della serie D. Una partenza che, almeno per il momento, non è stata ancora indicata così come non sono stati definiti i gironi ed il calendario che animeranno questo percorso agonistico che resta tutto da scoprire. Un intoppo non di poco conto per la preparazione delle squadre partecipanti, anche se il Mantova, grazie anche all'entusiasmo maturato in seguito ad un precampionato sostanzialmente positivo, si è dato da fare in modo tempestivo per far proseguire i suoi programmi. E' così maturata l'amichevole che sabato sera (fischio d'inizio alle 20.30 a Cesenatico) porterà i biancorossi a misurarsi con il Cesena in un confronto che profuma di ben altri palcoscenici rispetto alla serie D.

I bianconeri romagnoli, infatti, sono appena incappati nel primo fallimento della loro storia e si stanno riorganizzando per risalire nel calcio che conta. Proprio lo stesso obiettivo che il Mantova di questo ennesimo "nuovo ciclo" si è prefissato di raggiungere. Una partita che per molti riporterà alla mente le tante sfide disputate soprattutto in serie B, ma che, nello stesso tempo, permetterà alle due contendenti di vedere a che punto è giunto il rispettivo cammino di maturazione. Una gara che sarà del tutto particolare per Alfio Pelliccioni, il ds di questo Cesena che sta cercando di risollevarsi, Pelliccioni, che ha appena iniziato la nuova avventura in Romagna, ha lavorato in precedenza a Mantova e vanta un'esperienza al San Marino insieme all'attuale tecnico virgiliano Massimo Morgia. Proprio l'allenatore mantovano ha ribadito di attendersi indicazioni importanti dall'amichevole di sabato. Contro un avversario della stessa categoria ed animata da importanti ambizioni, il Mantova deve confermare il cammino di crescita fatto intravedere nelle scorse settimane e deve ribadire che il rinnovato gruppo biancorosso ha davvero tutte le carte in regola per puntare al vertice della serie D.