Carlo Maver suona il bandoneòn

Mantova, 29 agosto 2018 - Un repertorio di composizioni originali influenzate dal tango, dalla musica mediterranea, dal jazz e da contaminazioni africane, per evocare i territori, i paesaggi e le culture unite dalle rotte migratorie delle cicogne: si intitola "Tracce d'Africa e dal deserto" il concerto in programma venerdì 31 agosto a Parco Bertone nell’ambito del ciclo “Musica sulle ali delle cicogne”, che vedrà esibirsi Carlo Maver, compositore e flautista bolognese, uno dei massimi specialisti italiani in bandoneòn, e Alberto Capelli, alla chitarra flamenca.

Strumento di straordinaria difficoltà e complessità, riportato alla ribalta dal grande Astor Piazzolla con il suo Tango Nuevo, il bandoneòn non vanta molti specialisti ma Carlo Maver ne è squisito interprete. Non solo raffinato musicista, Maver è anche un esploratore (solitario) di paesi esotici e remoti tra i quali Kurdistan, Mali, il deserto del Sahara, l’Uzbekistan e il Turkmenistan: di recente ha compiuto un viaggio a dorso di cammello attraverso il deserto del Sahara, uno dei luoghi di partenza delle cicogne nelle annuali migrazioni verso le rotte del Nord, che includono le Bertone.

Durante la serata nel bosco-giardino dei Conti D’Arco, proporrà piccoli racconti tratti dal suo diario di viaggio "Azalai. Millecinquecento chilometri attraverso il deserto del Sahara", pubblicato per Edizioni Pendragon. Il tema della rassegna “Musica sulle ali delle cicogne”, ispirato alle sonorità dei paesi del bacino del Mediterraneo sorvolati dalle cicogne nelle loro migrazioni tra Africa e Nord Europa, è dunque perfetto per un artista come Maver, che della world music ha fatto la sua nota caratteristica. Il concerto avrà inizio alle ore 21, ingresso serale 4 euro.