Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Suzzara (Mantova), 8 dicembre 2017 -  Ha ucciso i suoi due figli, Kim di due anni e Lorenzo Zeus di 5 poi ha rivolto il coltello contro sè stessa lesionandosi un polmone. Trasportata all'ospedale in condizioni critiche la mamma-killer Antonella Barbieri, 39 anni, dopo aver ammesso le sue colpe, in stato confusionale,  è stata arrestata di duplice infanticidio nella tarda serata di giovedì su provvediemnto disposto dal pm di Reggio Emilia Maria Rita Pantani. Ricoverata nell'ospedale di Reggio e piantonata dai carabinieri, la donna ha però rifiutato le cure e non è stato quindi possibile operarla. Proseguono intanto le indagini nel Reggiano seguite dai carabinieri nel nucleo operativo di Guastalla, in coordinamento con i colleghi dell'Arma mantovana. 

La donna, ex modella sposata con l'ex rugbista di Viadana, Aironi e nazionale Andrea Benatti, avrebbe soffocato con un cuscino la bimba di due anni, lasciandola coperta nel letto matrimoniale della casa di Suzzara dove viveva col marito. Sarebbe stato l'uomo a ritrovarne il corpo, più tardi, insieme ai carabinieri. Poi, senza cellulare, ma portando con sè un coltello da cucina, è uscita in auto con il primogenito Lorenzo Zeus e ha raggiunto un argine del Po in una sperduta zona golenale, in località Fogarino, e nel primo pomeriggio c'è stato il secondo omicidio. Qui è stata trovata da un pastore che ha avvisato i carabinieri perché la donna aveva una coperta sporca di sangue. Sotto la coperta il coltello piantato nella sua pancia e il piccolo di 5 anni ormai senza vita. Sentita dagli investigatori, avrebbe confessato, ma le sue parole continuano ad essere molto confuse.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.