Suzzara (Mantova), 8 dicembre 2017 -  Ha ucciso i suoi due figli, Kim di due anni e Lorenzo Zeus di 5 poi ha rivolto il coltello contro sè stessa lesionandosi un polmone. Trasportata all'ospedale in condizioni critiche la mamma-killer Antonella Barbieri, 39 anni, dopo aver ammesso le sue colpe, in stato confusionale,  è stata arrestata di duplice infanticidio nella tarda serata di giovedì su provvediemnto disposto dal pm di Reggio Emilia Maria Rita Pantani. Ricoverata nell'ospedale di Reggio e piantonata dai carabinieri, la donna ha però rifiutato le cure e non è stato quindi possibile operarla. Proseguono intanto le indagini nel Reggiano seguite dai carabinieri nel nucleo operativo di Guastalla, in coordinamento con i colleghi dell'Arma mantovana. 

La donna, ex modella sposata con l'ex rugbista di Viadana, Aironi e nazionale Andrea Benatti, avrebbe soffocato con un cuscino la bimba di due anni, lasciandola coperta nel letto matrimoniale della casa di Suzzara dove viveva col marito. Sarebbe stato l'uomo a ritrovarne il corpo, più tardi, insieme ai carabinieri. Poi, senza cellulare, ma portando con sè un coltello da cucina, è uscita in auto con il primogenito Lorenzo Zeus e ha raggiunto un argine del Po in una sperduta zona golenale, in località Fogarino, e nel primo pomeriggio c'è stato il secondo omicidio. Qui è stata trovata da un pastore che ha avvisato i carabinieri perché la donna aveva una coperta sporca di sangue. Sotto la coperta il coltello piantato nella sua pancia e il piccolo di 5 anni ormai senza vita. Sentita dagli investigatori, avrebbe confessato, ma le sue parole continuano ad essere molto confuse.