Cavriana, comune dove ha sede il Gal Garda e Colli Mantovani
Cavriana, comune dove ha sede il Gal Garda e Colli Mantovani

Mantova, 30 maggio 2020 - Pur nell'emergenza pandemia, la Lombardia non rinuncia ai progetti di salvaguardia e valorizzazione ambientale. La Regione, con l'aiuto dei fondi europei, destina risorse a tre territori: il Mantovano, il Cremonese e la Lomellina, in provincia di Pavia. L'intervento, del valore di oltre 250 mila euro sarà affidato ai Gal (Gruppidi azione territoriale) e in particolare a quello Garda e Colli Mantovani, con sede a Cavriana Mantovana, che avrà il ruolo di capofila del progetto.

Le norme, infatti, parlano di cooperazione interterritoriale nei programmi di sviluppo rurale denominati 'Leader', cooperazione che in una vasta porzione del Centro-Sud Lombardia si svilupperà in forma coordinata tra i tre Gruppi di Azione Locale: Il Gal Garda e Colli Mantovani, con il ruolo di responsabile della “cordata”, il Gal Terre del Po e il Gal Risorsa Lomellina. La Regione Lombardia in concreto  ha approvato il progetto elaborato dai tre territori, un progetto dedicato al tema del capitale naturale e dei servizi ecosistemici per le persone che abitano i territori rurali. L’investimento complessivo ammonta a 265mila euro. 

 Il parternariato coinvolge anche soggetti privati: la Fondazione Ugo da Como di Brescia e la società Aschieri – De Pietri di Cremona, l'Ecomuseo del paesaggio di Lomellina, la società agricola Agriferr di Cremona. Il Gal che ha sede a Cavriana (Mantova) avrà il ruolo operativo (gestionale e amministrativo) dell’intero progetto.

“Il capitale naturale delle aree rurali offre numerosi servizi ecosistemici tra cui il miglioramento della qualità dell’aria, il sostegno alla biodiversità, occasioni di movimento fisico e svago – spiega l'amministratore del Gal capofila, Mauro Belloli – e le infrastrutture verdi e i lavori verdi (green jobs) ad esse collegati possono migliorare la salute e il benessere delle popolazioni rurali e riequilibrare il rapporto tra città e campagna”. Operativamente gli enti che riceveranno i fondi saranno chiamati a realizzare servizi e miglioramenti green nei territori interessati, come ad esempio la piantumazione di nuovi alberi.