Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Antonella Barbieri

Mantova, 19 dicembre 2017 - È venuto il momento del commiato da Lorenzo e Kim, i due bambini uccisi dalla giovane madre in un delirio di violenza e sangue. I funerali delle piccole vittime, 5 anni lui e 2 lei, si svolgeranno domani nella chiesa di San Pietro a Viadana, città dove hanno radici i parenti del padre. I feretri raggiungeranno la parrocchiale sin da oggi pomeriggio, quando inizierà la veglia funebre destinata a durare anche domani mattina. Per la famiglia di Andrea Benatti, il papà dei due bambini, arriva un giorno in qualche modo sospirato: l’attesa del nulla osta alla sepoltura, arrivato la scorsa settimana, aveva aggiunto strazio allo strazio. Benatti, 39 anni, ex rugbista degli ‘Aironi’ di Viadana e della nazionale, subito dopo la tragedia si è chiuso nel dolore a casa dei suoi.

Nei giorni scorsi, l’uomo è stato raggiunto da un avviso di garanzia speditogli dalla Procura della Repubblica di Mantova, intenzionata a fugare ogni dubbio sul suo comportamento di padre, in particolare sull’aver fatto tutto il possibile, come tutore e di titolare della patria potestà, per proteggere i figli da possibili atti di violenza della madre. Lei, Antonella Barbieri, ex modella trentanovenne di Carpi, nel Modenese, è ancora ricoverata nell’ospedale di Reggio Emilia dove era finita il 7 dicembre sera. La donna aveva tentato di togliersi la vita con lo stesso coltello col quale aveva ferito a morte il figlio più grande. Era stata trovata in auto da un pastore lungo la golena del Po a Luzzara ed era stata trasportata in ospedale. Qualche ora prima aveva soffocato la figlia nella casa di famiglia a Suzzara. I pm l’hanno sentita per l’interrogatorio di garanzia, e ora le indagini si sono allargate per scoprire se la donna, che soffriva di un grave disagio mentale, sia stata dimessa prematuramente dai luoghi dove veniva curata.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.