Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

Castelbelforte: ragazza di 26 anni muore dopo malore in palestra. Era figlia del sindaco

La ragazza si è sentita male poco dopo l'allenamento. Poi il ritorno a casa e la tragedia mentre si faceva la doccia

featured image
Giulia Gazzani e il padre Massimiliano: la foto pubblicata su Facebook dopo la tragedia

Si è sentita male mentre era in palestra, poco dopo un allenamento. Da qui la decisione di fare subito rientro a casa. E nella sua abitazione, mentre si faceva la doccia, avrebbe accusato un nuovo malore, stavolta rivelatosi fatale. Tragedia a Castelbelforte, paese del Mantovano, dove è morta Giulia Gazzani, di appena 26 anni. La giovane è la figlia del sindaco Massimiliano Gazzani, anche vicepresidente della Provincia.

Secondo quanto si è potuto ricostruire, a quanto reso noto dai media locali, a trovare la giovane accasciata a terra in bagno è stato uno dei fratelli, che non la vedeva uscire dal bagno. Subito è scattato l'allarme. Nella villetta della famiglia Gazzani si sono precipitati i soccorritori, che hanno applicato alla ragazza le manovre di rianimazione per circa un'ora. La giovane, però, era in arresto cardiaco, condizioni in cui è stata trasportata all'ospedale Carlo Poma di Mantova, dove i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso. Sul posto anche i carabinieri, per i rilievi d'obbligo quando il decesso riguarda una persona così giovane, anche in caso di quella che appare essere una morte naturale. Martedì 26 verrà effettuata l'autopsia sulla salma, per accertare le cause della morte.

Il padre è stato avvisato mentre era impegnato ad accompagnare il vescovo Marco Busca negli incontri organizzati per una visita pastorale sul territorio. Subito si è precipitato all'ospedale, dove ha ricevuto la visita anche del presidente della Provincia Carlo Bottani e da altri esponenti politici della provincia. Giulia - che lascia travolti dal dolore anche la mamma Vera e due fratelli, Federico e Davide - si era laureata nel 2018. Lavorava come educatrice in una struttura per disabili a Sospiro, in provincia di Cremona. Oggi le campane della chiesa di Castelbelforte hanno suonato a lutto, un primo saluto alla giovane tragicamente scomparsa. Le manifestazione per il 25 Aprile nel paese sono state annullate in segno di lutto. 

Numerose le maniifestazioni di cordoglio sui social network, in particolare sotto un post pubblicato da papà Massimiliano. Una fotografia sua e di Giulia, scattata in un momento felice, senza parole. Proprio come è rimasta la comunità del Mantovano, davanti a un accadimento così tragico.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?