Esondazione del Fiume Seveso
Esondazione del Fiume Seveso

Milano, 24 luglio 2020 - Lombardia flagellata dal maltempo dalle prime ore dell'alba. Una bomba d'acqua si è abbattuta dalle 5 di stamani su Milano e l'hinterland provocando l'esondazione del Seveso e facendo alzare il livello dei fiumi di 3 metri in mezz'ora. Sottopassi allagati e tombini saltati per la furia dell'acqua. In alcuni comuni dell'hinterland una violenta grandinata ha danneggiato le auto in sosta, arrivando a frantumare i vetri. Centinaia le chiamate ai vigili del fuoco. Il maltempo ha fatto cadere alberi e rami anche su alcune linee ferroviarie, che sono state interrotte. Si tratta delle linee fra Soresina e Castelleone in provincia di Cremona, fra Brescia e Olmenet e fra le stazioni di Milano Bovisa e Cadorna a causa di danni creati all'infrastruttura all'altezza di Milano Domodossola.

La situazione più critica a Milano, dove è terminata alle 9.20 l'esondazione del Seveso e Lambro. I due fiumi hanno inondato di acqua e fango le strade e allagato numerosi sottopassi. L'esondazione, durata quasi 2 ore (dalle 7.45), ha messo in ginocchio la città e i trasporti, di superficie e non. La bomba d'acqua e i temporali hanno gonfiato il torrente, che è uscito nel tratto tombinato di via Valfurva, invadendo le strade del quartiere Ca' Granda. Forti disagi in particolare nella zona di viale Zara, Niguarda e viale Sarca. Alcune abitazioni sono rimaste senza corrente elettrica.  L'emergenza maltempo ha impegnato anche i nuclei Sommozzatori e Soccorso Acquatico del Comando di Milano, che a Paderno Dugnano estratto dagli abitacoli delle auto diverse persone rimaste bloccate nel sottopasso di via Alessandrini completamente allagato. (FOTO)

Tra le aree più colpite, il Nord Milano e Legnano. A Cinisello  sono stati chiusi i due sottopassi del quartiere Crocetta e bloccato dal fiume di acqua e fango viale Fulvio Testi. Sottopassi chiusi anche a Sesto San Giovanni. A Parabiago, dove una bomba dacqua ha allagato il sottopasso ferroviario, un uomo ha abbandonato l'auto  per mettersi in salvo. Nord Milano paralizzato dalle prime ore dell'alba di oggi a causa della "bomba d'acqua" che si è abbattuta su tutti i comuni. 

Flagellato dal maltempo anche il Bresciano, dove si registrano allagamenti in case, cantine e autorimesse, oltre a cadute di alberi. Sono diverse le localitá invase dall'acqua. A Erbusco sono esondati i tombini, creando un " torrente" sulla strada principale del centro franciacortino. Lo stesso é accaduto in via Trieste a Brescia. Al lavoro ci sono i vigili del fuoco del comando di Brescia e di tutti i distaccamenti e caserme del territorio, supportati da molti gruppi della Protezione Civile di Brescia. 

Violenti temporali anche nel Cremasco, dove una tromba d'aria si è sviluppata a Spino d'Adda abbattendosi poi su buona parte della provincia e colpendo paesi come Pandino e la stessa città di Crema dove alcune strade si sono allagate. La bomba d'acqua ha colpito anche Soresina e Castelleone per arrivare fino a Cremona. Allagamenti e alberi sradicati, ma anche danni alle coltivazioni nei campi. 

A  Merate, nel Lecchese la furia dell'acqua e raffiche di vento  ha abbattuto alberi e provocato allagamenti in strada e nelle abitazioni private. L'ondata di maltempo si è abbattuta tra Merate, Osnago e Cernusco Lombardone. Perego, Santa Maria Hoè. Sono state registrate raffiche di vento che hanno soffiato a 80 chilometri all'ora, mentre le precipitazioni hanno raggiunto a tratti un'intensità di 610 millimetri d'acqua. In pochi minuti sono caduti fino a 45 mm di pioggia, pari a 45 litri per ogni metro quadrato di terreno tutti in una volta.

Risveglio da incubo anche nel Comasco, dove dalle 4.30 del mattino, si sono abbattuti forti temporali accompagnati da grandine e raffiche di vento. Tantissime le richieste di aiuto ai vigili del fuoco per allagamenti d alberi pericolanti.  A Canzo e Valbrona, in località Visino si segnalano anche piccoli smottamenti che hanno interessato le strade. 

Il maltempo non dà tregua nel Lodigiano, dove si registrano allagamenti e alberi caduti in strada, soprattutto sulle principali tratte di Crespiatica. A Casale in via Canale sono state rimosse alcune macerie per il crollo di un cancello mobile all'interno di un cantiere. Sono seguiti sei interventi per rimuovere alberi precipitati sulla carreggiata a causa del forte vento: Camairago località Mulazzana e via Vaucella, Maleo strada provinciale 234 Mantovana, Castiglione via Benzoni, Casale strada statale 9 via Emilia. In provincia di Lodi sembra essere arrivato l’autunno. 

Anche la Bergamasca si è svegliata sotto un violento temporale, Allagamenti all'esterno dell'aeroporto di Orio al Serio e danni alla copertura, con infiltrazioni all'interno del terminal. L'aeroporto, così come le aree di parcheggio, restano accessibili, e le operazioni di volo e tutti i servizi ai passeggeri si svolgono regolarmente. Vento, pioggia e grandine hanno colpito un po' tutta la provincia. In particolare nel capoluogo le strade del quartiere di Colognola si sono completamente allagate. Buona parte dei sottopassi di Bergamo sono diventati inaccessibili.

Il maltempo non ha risparmiato le altre province lombarde: danni nei campi e alle colture in Valtellina e nella Brianza monzese, dove i terreni sono sommersi dall'acqua, colpito anche il Varesotto, con grandinate e alberi caduti.