Quotidiano Nazionale logo
20 dic 2021

Tre colleghe lasciano il posto fisso e aprono una gastronomia al femminile

Antonella Pizzino, Barbara Merli e Teresa Di Marco hanno riaperto l'antica posteria di Caselle Lurani

paola arensi
Economia
Le tre imprenditrici
Le tre imprenditrici di Caselle Lurani

Caselle Lurani (Lodi), 20 dicembre 2021 - Tre colleghe lasciano il posto fisso e diventano imprenditrici: "I timori ci sono, ma vogliamo fare qualcosa di importante”. Questo è il pensiero di Antonella Pizzino, Barbara Merli e Teresa Di Marco. Le donne, ex colleghe da dipendenti e amiche, hanno deciso di sfidare la crisi portata dal Covid.

“Siamo tutte legate a Caselle Lurani, dove abbiamo visto i nostri figli e abbiamo deciso di lasciare il posto fisso, nel settore della ristorazione, per aprire una gastronomia al femminile. Un posto dove poter assaggiare prelibatezze preparate dalle nostre mani, puntando sulle eccellenze del territorio, sulla genuinità delle materie prime e sulla qualità della lavorazione” chiariscono ancora. L’iniziativa arriva dopo mesi passati in balìa della pandemia da Covid-19. “Finalmente le piccole realtà locali, che hanno vinto la sfida e sono rimaste in vita, stanno riprendendo il loro ritmo di sempre – osservano le imprenditrici -. Le persone hanno voglia di recuperare il tempo perso, di riprendere da dove hanno lasciato quel febbraio 2020, di ricominciare a sentire la vita.

E in questo fervore, certamente alimentato dal Natale, che è ormai alle porte, c’è anche qualcuno che ha deciso di crederci un po’ di più e di scommettere, nonostante la  ripresa dei contagi, su questa necessaria ripartenza. Siamo noi, che abbiamo appena inaugurato questa nuova attività e speriamo in bene”. Si parte dal passato per guardare al futuro: ”Abbiamo voluto dare una nuova vita all’economia locale, partendo da un pezzo di storia. Ci siamo rimboccate le maniche e, partendo proprio dagli stessi locali in cui sorgeva la storica posteria del piccolo comune lodigiano, hanno scelto di dare vita ad una nuova realtà alimentare d’eccellenza: una 'Nuova Posteria'. Le motivazioni, oltre a quelle  economiche, sono profonde: ”Questo per noi non è solo un lavoro, è l’essenza stessa delle nostre vite. Caselle Lurani è il nostro mondo, qui abbiamo vissuto, abbiamo visto crescere i nostri figli, per anni abbiamo preparato da mangiare per loro e per i loro amici. Ora vogliamo estendere questo progetto alle nuove generazioni – raccontano –. Certo i timori non mancano, il progetto è ambizioso e la contingenza in cui ci troviamo ha messo a dura prova il mondo della ristorazione più di altri, ma noi abbiamo necessità di ricominciare a sperare, per il nostro piccolo comune e soprattutto per i nostri ragazzi.” E così, tra una chiamata al commercialista e una ai fornitori, rigorosamente locali, inizia il viaggio della nuova gastronomia  lodigiana” concludono. Paola Arensi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?