Anche l’ospedale Maggiore di Lodi soffre la congestione delle viste nella Fase due
Anche l’ospedale Maggiore di Lodi soffre la congestione delle viste nella Fase due

Lodi, 23 maggio 2020 - Visite rinviate, dai tre mesi a un anno. In alcuni casi, quelli meno urgenti, dal Cup non è stata ancora definita una data utile per effettuare quello che è un controllo di routine dallo specialista. La situazione nei presidi ospedalieri lodigiani, come in altre strutture italiane, è il risultato dell’emergenza sanitaria che ha stravolto reparti e organizzazione nell’Asst. Il coronavirus - con la trasformazione degli ospedali dell’Asst di Lodi in presidi soprattutto per la gestione dei malati Covid - sta avendo conseguenze sui cittadini che si rivolgono al servizio sanitario pubblico per prime visite e controlli di routine.

Come per Giandiego Marigo, 65 anni, residente a Codogno, da anni affetto da glaucoma, una malattia cronica e progressiva che colpisce il nervo ottico e che può portare alla perdita della vista. La sua visita annuale si sarebbe dovuta tenere all’ospedale di Codogno il 16 aprile, ma a pochi giorni dalla visita il controllo è stato rinviato al 21 maggio 2021. «Mi aspettavo un rinvio vista la situazione di emergenza, ma non pensavo che si potesse arrivare a oltre un anno - spiega il 65enne -. La mia è una malattia progressiva che necessita di controlli costanti con continue correzioni di terapia. In questo modo dovrò aspettare altri 13 mesi, arrivando a quasi tre anni dall’ultimo controllo. E’ troppo. E non posso permettermi una clinica privata".

All’ospedale Maggiore di Lodi quasi tutti gli appuntamenti in programma a maggio e qualcuno a giugno sono stati spostati a fine estate. Si tratta di visite oncologiche, pneumologiche (rinviate anche di un anno), diabetologiche, ma anche dermatologiche e ortopediche. Sono già tanti però i pazienti che hanno già iniziato a rivolgersi alle strutture ospedaliere di Piacenza e Milano. L’auspicio è che una mano potrebbe arrivare con la riapertura degli ambulatori dell’ospedale di Codogno che dal 4 giugno inizierà a ripartire dopo oltre tre mesi di chiusura. anche un anno per una visita oncologica.