MARIO BORRA
Cronaca

Presentata l’edizione 2023. Fiera, programma svelato. Saranno 120 le Frisone

I padiglioni, dopo sessant’anni, si presenteranno con una veste nuova. Il via martedì alle 10.30. Poi mostre, concorsi e una raffica di altri eventi.

Presentata l’edizione 2023. Fiera, programma svelato. Saranno 120 le Frisone
Presentata l’edizione 2023. Fiera, programma svelato. Saranno 120 le Frisone

È tempo di fiera e con la conferenza stampa di ieri pomeriggio la 232esima edizione della kermesse agro-zootecnica, una delle più importanti ed antiche a livello regionale, ha svelato il suo programma. Il 14 e 15 novembre i padiglioni del quartiere fieristico di viale Medaglie d’Oro apriranno i battenti e, per la prima volta dalla nascita negli anni Sessanta, si mostreranno con una veste completamente nuova: l’auditorium Vezzulli, che ospiterà martedì alle 10.30 l’inaugurazione, è infatti stato trasformato in teatro da 135 posti così come nella nuova palazzina servizi (le cui pareti sono state abbellite da writers professionisti a tema agricolo) vi sarà la biglietteria con i tornelli d’ingresso. Inoltre, di fronte, si staglia il nuovo maxi parcheggio da oltre 400 posti. Gli spazi interni, riservati agli operatori del settore, sono esauriti da tempo, segno che l’expo’ codognese, che chiude la stagione agricola dell’anno, esercita sempre il suo fascino e suscita sempre grande attenzione. I numeri parlano chiaro: quindici allevamenti per 120 capi della Frisona, “regina“ della fiera, più tutta una serie di numeri riguardanti le altre tipologie di animali ed espositori che portano ad un numero totale di 171 presenze, tre in più rispetto all’edizione dell’anno scorso. "E’ un’emozione unica presentare la manifestazione nell’anno in cui ha preso corpo il progetto Agrifiera che vuole far diventare il polo di viale Medaglie d’Oro un punto di riferimento continuo per il settore primario e che deve fare da volano per l’intero territorio" ha detto il sindaco, Francesco Passerini nel suo intervento. "Ringrazio chi investe su questo comparto bistrattato – ha invece ribadito il presidente di Aral Lombardia, Gian Enrico Grugni –. La fiera è un incontro tra società civile e mondo agricolo ed a Codogno prosegue una tradizione ultra bicentenaria che non ha eguali".

Il taglio del nastro di martedì, oltre agli interventi dei partecipanti, vivrà altri momenti importanti come la consegna delle borse di studio agli studenti meritevoli, l’avvio dei vari laboratori per gli alunni (1500 studenti già prenotati) e l’inizio delle iniziative clou della manifestazione come la mostra interprovinciale dei bovini di razza Frisona. Mercoledì, giornata fieristica per eccellenza, con vari eventi dedicati ai prodotti tipici, show cooking e degustazioni oltre alla presentazione della cartolina dedicata alla edizione fieristica. Nella tarda mattinata di mercoledì, poi, nel ring del padiglione principale, la sfilata e le premiazioni dei migliori soggetti in concorso. Mostre di macchine agricole, stand di commercianti, artigiani e operatori del comparto del mondo dei campi, expo’ avicola, ovi caprina, equina, ornitologica, di coniglicoltura completeranno lo scenario della più importante kermesse provinciale del settore.