Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 gen 2022

No vax rifiuta il ricovero Il virus la uccide a 52 anni

Barbara Fisichella, codognese, parente dell’arcivescovo, lavorava in Tribunale. A inizio gennaio era deceduta anche una casalinga 46enne di Pizzighettone

28 gen 2022
carlo d’elia
Cronaca
Due mesi fa Barbara Fisichella aveva scritto sui social «Non mi vaccino Non sono una cavia» Era operatrice al. casellario giudiziario della Procura di Lodi
Due mesi fa Barbara Fisichella aveva scritto sui social «Non mi vaccino Non sono una cavia» Era operatrice al. casellario giudiziario della Procura di Lodi
Due mesi fa Barbara Fisichella aveva scritto sui social «Non mi vaccino Non sono una cavia» Era operatrice al. casellario giudiziario della Procura di Lodi
Due mesi fa Barbara Fisichella aveva scritto sui social «Non mi vaccino Non sono una cavia» Era operatrice al. casellario giudiziario della Procura di Lodi
Due mesi fa Barbara Fisichella aveva scritto sui social «Non mi vaccino Non sono una cavia» Era operatrice al. casellario giudiziario della Procura di Lodi
Due mesi fa Barbara Fisichella aveva scritto sui social «Non mi vaccino Non sono una cavia» Era operatrice al. casellario giudiziario della Procura di Lodi

di Carlo D’Elia Non aveva mai nascosto le proprie perplessità sul vaccino, sostenendo con forza la contrarietà a sottoporsi all’inoculazione del siero anti-Covid. Quello stesso virus tanto contestato, mercoledì l’ha uccisa a 52 anni. "Io non mi vaccino, non sono una cavia", aveva scritto sui social a fine novembre, appena due mesi prima di perdere la sua battaglia più importante. Barbara Fisichella, 52 anni, operatrice giudiziaria al casellario della Procura di Lodi, originaria di Codogno, è morta di Covid. La donna, con un marito e una figlia adolescente, parente di monsignor Rino Fisichella, arcivescovo e presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, anche lui originario di Codogno, era a casa in malattia da una decina di giorni. La donna aveva rinviato di recarsi in ospedale come invece le consigliavano i familiari che mercoledì, dopo aver visto che faceva una gran fatica a respirare, hanno chiamato l’ambulanza. Poche ore dopo, il decesso. Senza parole i colleghi che lavoravano con lei nel Palazzo di giustizia di Lodi. Una morte prematura che ha lasciato sgomenti. Un caso che nelle ultime ore ha fatto partire una serie di riflessioni personali legate alla scelta di non volersi vaccinare. Si tratta del secondo caso di no vax deceduta per Covid in provincia di Lodi in poche settimane. A inizio gennaio Brunella Marchetti, casalinga di 46 anni, è morta per una polmonite bilaterale da Covid al Policlinico di Milano, dopo un mese in Terapia intensiva. Originaria di Bertonico la donna, che viveva da qualche anno a Pizzighettone (Cremona), era da sempre restia ai farmaci e non si era vaccinata. Nel Lodigiano, provincia che all’inizio della pandemia era stata al centro dell’emergenza sanitaria, circa il 10% della popolazione over 12 non ha ancora effettuato alcuna dose di vaccino. Un numero tra i più bassi della Lombardia, che è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?