Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

Sordio, neonato morto in culla a 7 mesi: disposta l'autopsia

I genitori e i nonni hanno provato a svegliarlo, ma il piccolo era già senza vita

Inutili i soccorsi
Vani i soccorsi (foto d'archivio)

Una tragedia, provocata forse da quel fenomeno ancora senza molte risposte che risponde al nome di Sids. Ovvero, tradotto dall'inglese, sindrome della morte in culla. Per capire se il decesso del piccolo di sette mesi, trovato morto nella culla il giorno di Pasqua a Sordio, piccolo Comune del Lodigiano, la Procura di Lodi ha disposto l'autopsia sul corpo. Il bimbo era stato trovato esanime nella culla e tanto i genitori quanto i nonni, che abitano in case vicine fra loro, avevano cercato di svegliarlo credendo che stesse dormendo profondamente. Nonostante la chiamata e l'arrivo tempestivo dei soccorsi, non c'è stato nulla da fare: il bimbo era già deceduto. I soccorritori ritengono che la causa sia stata proprio la sindrome da morte in culla, ma per determinarlo ufficialmente servirà l'autopsia. Intanto il sindaco di Sordio, Salvatore Iesce, spiega che parteciperà, con molti suoi concittadini, al funerale del piccolo, dopo aver già portato le sue condoglianze alla famiglia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?