Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Passeggia per Lodi con una maglietta con Hitler: la Digos gliela fa indossare al contrario

E' successo in corso Roma tra cittadini curiosi e indignati: l'episodio è al vaglio della questura

di LAURA DE BENEDETTI
Ultimo aggiornamento il 4 settembre 2018 alle 21:16
La maglietta con Adolf Hitler è un gadget acquistato a Predappio (Foto repertorio)

Lodi, 04 settembre 2018 - Se ne andava in giro per il corso Roma con indosso una maglietta nera raffigurante Adolf Hilter in divisa quando è stato notato e fermato da alcuni agenti della Digos in servizio di controllo. Il fatto è accaduto questa mattina attorno alle 10: gli agenti hanno chiesto spiegazioni all'uomo, un 55enne residente nel Lodigiano. Lui, senza alcun precedente e mai segnalato alle forze dell'ordine, ha sostenuto di aver acquistato la t-shirt qualche settimana fa durante una visita a Predappio, in quanto simpatizzante del nazi-fascismo, pur non essendo iscritto ad alcun movimento politico di estrema destra.

Nel frattempo lungo il corso, in pieno centro storico cittadino, si era formato un capannello di persone, alcune incuriosite, altre indignate, per cui gli agenti hanno chiesto al 55enne di indossare la maglietta rivoltata al contrario, affinché l'immagine non fosse visibile. L'uomo lo ha fatto ed è poi tornato a casa. La Questura sta ora vagliando la sua posizione: le disposizioni finali della Costituzione, nonché le leggi Scelba e Mancino, vietano l'apologia del fascismo e condannano chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico, ma in circostanze legate a riunioni dove si fa proselitismo, non a 'passeggiate' lungo la strada.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.