Lodi, 6 giugno 2018 - I finanzieri del Comando Provinciale di Lodi hanno eseguito un sequestro preventivo emesso dal G.I.P. di Lodi, su richiesta della Procura della Repubblica di Lodi, per un ammontare complessivo di 2.877.000 euro, in relazione ad un’evasione fiscale di oltre 14 milioni da parte di una società attiva nel settore dell'intrattenimento e della ristorazione. Tra i beni sequestrati nell'ambito dell'operazione Golden Wellness anche un'area di oltre 48mila metri quadrati in provincia di Lodi, di proprietà del rappresentante legale della società che ospita in unico complesso tre ristoranti, due bar, una discoteca, una palestra, un centro benessere, campi da calcetto e da tennis e due piscine. 

Le indagini condotte dai finanzieri della Compagnia di Lodi hanno accertato che la società indagata ha omesso di dichiarare completamente i propri redditi dal 2013 al 2016, non versando imposte per 2.877.000 euro. È stato scoperto anche, sempre per gli anni dal 2013 al 2016, l'omesso versamento di ritenute previdenziali Inps per 117mila euro. La società è risultata essere frequentata da migliaia di avventori e avere 104 lavoratori dipendenti. Il rappresentante legale è stato denunciato alla Procura di Lodi per "omesso versamento di ritenute previdenziali" e per "omessa Dichiarazione".