Camilla Mingardi della Sab Legnano

Castellanza (Varese), 11 novembre 2017 - Vittoria al cardiopalma per la Sab Legnano, che batte Il Bisonte Firenze per 3-1 in una partita dalle grandi emozioni, soprattutto nel finale quando le giallonere di casa hanno rischiato di buttare via i tre punti.

Da segnalare prima dell’inizio della partita la premiazione di Camilla Mingardi, opposto della Sab Legnano, con il pallone d’oro in quanto miglior realizzatrice della passata stagione di serie A2.

Parte decisamente con il piede sbagliato Legnano, i cui attacchi vengono spesso murati e la cui difesa non è impeccabile. Anzi. Disattenzioni ed errori di valutazione la fanno da padroni: palloni valutati fuori che in realtà sono pienamente in campo e attacchi decisamente fuori misura che non vanno a bersaglio da parte delle padrone di casa portano Firenze a condurre per 9-5. Sorokaite e Alberti colpiscono duro, fra le giallonere solo Degradi sembra riuscire a reggere l’urto. Pencova costruisce e Pencova sbaglia: si arriva sul 12-11 per le toscane. Si va avanti fra molti errori e proprio un errore di Santana, schiacciata fuori, porta le squadre per la prima volta in parità: 15-15. E quando più serve arriva lei: Mingardi mette giù il rocambolesco punto del 16-15 per Legnano. Mingardi-Ogoms sono loro le autrici del vantaggio gallonero: al termine di uno scambio da guinness dei primati Legnano va sul 20-17. Finalmente la vera Legnano, anche con un pizzico di fortuna. Sorokaite prova a far respirare le ospiti, Newcombe e Ogoms tolgono l’ossigeno e così Legnano conquista il set per 25-20 con una bomba di Mingardi.

Seconda frazione si apre in sostanziale equilibrio, ma con decisamente molti meno errori rispetto all’avvio di gara. La stampatona a muro di Pencova su attacco di Sorokaite regala il 5-4 per Legnano, che però viene subito raggiunta. La Sab poi scatta e grazie a Newcombe si porta sul 12-10. La stessa Newcombe va troppo morbida su un pallone servito da Caracuta facendosi murare per il 13-12. E così Sorokaite porta le toscane sul 13-13. Legnano strappa, Firenze non si lascia spaventare e risponde colpo su colpo. Così si arriva al punteggio di 19-19. Le ragazze di Pistola però non si lasciano abbattere e, guidate da una Mingardi cecchino potente, da una Pencova sempre presente e preziosa e da una Degradi imprevedibile, arrivano a conquistare il set 25-23, ultimo punto firmato da Mingardi, e 2-0 nel conto dei set. 

La terza frazione vede le ragazze di Bracci partire con una migliore concentrazione, tanto che dopo pochi minuti si è già sull'11-7 per le ospiti. Legnano manca di concentrazione e commette disattenzioni imperdonabili in A1. Per fortuna le Aquile si riprendono e mettono a segno un break di 3-0, ma Sorokaite, Tapp e Pietrelli chiudono le porte al ritorno gallonero portando Il Bisonte di nuovo in vantaggio: 18-14. Sul 20-15 per le ospiti è chiaro che il set è ormai diretto verso Firenze. E così è poco dopo: 25-17 per Il Bisonte. Nel quarto set le Aquile volano più in alto e quindi riescono a portarsi subito in vantaggio: Ogoms, Mingardi, Caracuta, Pencova e Degradi sono davvero stellari. Poi però ecco che subentrano l’inesperienza e un po’ di paura e quindi tutto viene rimesso in discussione, anche perché Sorokaite è davvero incredibile. Alla fine a vincere è Legnano, ma che fatica: 30-28 e 3-1 nel conto dei set.

Sab Legnano-Il Bisonte Firenze 3-1 (25-20, 25-23, 17-25, 30-28)

Legnano: Degradi 14, Ogoms 8, Mingardi 28, Newcombe 9, Pencova 12, Caracuta 3, Lussana (L); Bartesaghi, Martinelli, Coneo, Cecchetto, Drews 1. Ne Cumino. All. Pistola.

Firenze: Tirozzi 16, Milos Prokopic 2, Sorokaite 24, Santana 6, Alberti 4, Bechis 4, Parrocchiale (L); Bonciani, Tapp 8, Pietrelli 3. Ne Di Iulio, De Stefano e Bassilichi. All. Bracci.

Arbitri: Maurina Sessolo e Umberto Zanussi.

Note: spettatori 850. Battute vincenti Legnano 2, muri 7. Battute vincenti Firenze 3, muri 7.

Mvp Caracuta

Premio Il Giorno: MIngardi