Alcuni manifestanti
Alcuni manifestanti

Legnano (Milano), 19 maggio 2019 - "Legnano respira, ora sei libera". "Mi sarebbe piaciuto che tutto il terremoto di questi giorni fosse partito dal dossier che noi avevamo preso in considerazione, sarebbe stato più bello per noi". Da una parte il comitato Legalità a Legnano, dall’altra il Movimento Cinque Stelle. Differenti location - la ex Cantoni nel primo caso, lo spazio antistante un municipio ormai del tutto vuoto nel secondo -, il medesimo linguaggio trionfalistico. C’è chi parla di "nuovo 25 aprile" e di "seconda Battaglia di Legnano", ma la sensazione fra i cittadini non è di certo di festa. Anzi. "Sono una legnanese doc – commenta Daniela – e vedere la città scossa da un terremoto del genere fa molto male. Nessuno se lo sarebbe aspettato".

Dello stesso avviso è Stefano Materazzi: "Stupito non direi, ormai non credo più nella classe politica però quello che è successo danneggia notevolmente tutta la città". Gli arresti del sindaco Gianbattista Fratus, del suo vice Maurizio Cozzi e di Chiara Lazzarini, assessore alle Opere pubbliche, getta ulteriori ombre fra l’opinione pubblica sul mondo politico a livello generale. "Ormai noi italiani abbiamo una scarsa fiducia nei politici, e questo da diverso tempo. Episodi del genere non fanno altro che contribuire a rendere chi ci governa sempre meno attendibile e degno di fiducia da parte di noi cittadini" sottolinea Stefania Bottalico.

Politica e disincanto, un binomio che ormai va sempre di più a braccetto fra i cittadini. "Mi sono impegnato in politica a Legnano tempo fa, poi mi sono accorto che la realtà era differente da come la immaginassi – racconta Domenico Pellicanò –. A dire il vero, mi aspettavo un terremoto del genere. Anzi, credo sia arrivato persino tardi rispetto a quello che stava succedendo ormai da mesi a Legnano. La voglia di queste persone di rimanere sulle poltrone ad ogni costo era imbarazzante per loro e per l’intera città". Città che ora tenta di rialzarsi. Lo fa attraverso il comitato Legalità, e attraverso la manifestazione del Movimento Cinque Stelle che si è svolta ieri davanti a Palazzo Malinverni, ma lo fa anche con la volontà di cittadini e commercianti di andare avanti e pensare alle iniziative dei prossimi giorni. Legnano ha una gran voglia di rinascere e di gettarsi alle spalle queste pagine buie.