Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni politiche 2018, il legnanese Alli fa discutere il Pd

L’ex braccio destro di Formigoni candidato con l’alleanza "dem"

di CRISTIANA MARIANI
Ultimo aggiornamento il 30 gennaio 2018 alle 08:19
Paolo Alli, ex dirigente Tosi

Legnano, 30 gennaio 2018 - Legnanese  doc. Un passato da dirigente alla Franco Tosi, poi la carriera politica come collaboratore di Roberto Formigoni tanto da essere nominato sottosegretario alla presidenza della Regione Lombardia e successivamente deputato. E ora la candidatura al Senato nel collegio uninominale di Mantova per la coalizione targata Pd. Non certo per il Pd, ma per uno schieramento che vi gravita attorno. Già. Dal centrodestra al centrosinistra. L’unico aspetto a rimanere invariato, sembra, è solo la parola “centro” in questa nuova avventura politica del legnanese Alli. Una candidatura che sta facendo decisamente rumore, soprattutto fra gli esponenti del Pd. «Abbiamo candidato alle elezioni politiche in un collegio lombardo a nome della coalizione Paolo Alli, anche se non nelle liste del Pd, certo. Il braccio destro di Formigoni: ma fa schifo solo a me questa cosa? Ma allora era meglio Formigoni direttamente» tuona l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano ed esponente del Pd, Pierfrancesco Majorino.

Per un legnanese che si candida fuori dalle mura di casa, ci sono degli “esterni” che sbarcano nei collegi altomilanesi. È il caso di Laura Boldrini, candidata con Liberi e uguali come capolista in Lombardia anche nel proporzionale a Legnano. Michela Vittoria Brambilla, invece, rappresenterà Forza Italia nel collegio uninominale di Abbiategrasso alla Camera. A tornare a respirare una boccata di «aria di casa» sarà Massimo Garavaglia: l’ex sindaco di Marcallo con Casone e attuale assessore lombardo al Bilancio sarà candidato per la Lega nell’uninominale alla Camera a Legnano. Fratelli d’Italia ha scelto una figlia «d’arte» della politica locale: Lucrezia Mantovani, figlia dell’ex sindaco di Arconate ed ex vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani, è stata inserita in lista. Nomi destinati a far discutere anche e soprattutto nell’Altomilanese.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.