Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Canegrate, crisi alla Gemelli: gli stipendi non arrivano da quattro mesi

I debiti sono troppo alti, adesso è a rischio il futuro dei 25 lavoratori dell'azienda di via Piave

di CRISTIANA MARIANI
Ultimo aggiornamento il 21 marzo 2018 alle 08:38
Sciopero alla Gemelli di Canegrate

Canegrate (Milano), 21 marzo 2018 - Lavorare. Senza percepire lo stipendio da quattro mesi, senza prospettive per il futuro. Ma lavorare. Continuare a svolgere la propria mansione, perché le commesse non mancano e la produzione deve essere portata avanti. Anche se i vertici aziendali sembrano dare segnali che vanno in tutt’altra direzione. I 25 dipendenti della Gemelli stanno vivendo probabilmente il momento peggiore nella storia dell’azienda, eppure non demordono. Però chiedono alla proprietà un segnale forte, che indichi magari una via verso un futuro che a oggi sembra decisamente complicato. L’impresa di via Piave si occupa di sistemi di trasmissione elicotteristica, in sostanza realizza soprattutto strumenti come cuffie e trasmettitori che vengono montati sui caschi dei piloti.

La firma «Gemelli», per intendersi, è anche sulle cuffie di alcuni degli operatori più famosi nel mondo dei circuiti motociclistici. Insomma, non si tratta di certo di un’azienda di poco conto. Eppure sono proprio i «conti» a creare i maggiori grattacapi. L’impresa canegratese fatturava nei momenti di maggiore espansione dai 3 ai 4 milioni di euro, oggi ha un debito con l’erario di circa due milioni e mezzo. E non è l’unica somma che la proprietà deve corrispondere. Un esempio sono le quattro mensilità per una ventina di lavoratori. Ieri mattina i sindacati hanno organizzato un presidio davanti allo stabilimento di via Piave.

Anche perché il rischio concreto a oggi si chiama fallimento. «Non vogliamo che l’azienda chiuda, siamo disposti a dialogare - sottolinea Antonio Del Duca della Fiom Cgil -. Bisogna però tornare ad un equilibrio e se la proprietà non ci riesce da sola, allora

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.