Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

I vermi di Rouge in mostra a Cassinetta: "Così bacchetto la società"

La satira del corbettese Simone Rossoni, in arte Rouge

di FRANCESCO PELLEGATTA
Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 07:13
Simone Rossoni, in arte Rouge

Cassinetta di Lugagnano (Milano), 8 settembre 2018 - «Sei un verme». Mai insulto fu trasformato in arte meglio di questo. Simone Rossoni, in arte Rouge, è un vignettista satirico nato a Corbetta (anche se oggi si è trasferito a Settimo Milanese) e artista «ostinatamente di parte, o non potrei criticare questa società». Le sue vignette gialle con i simpatici vermicelli che raccontano senza peli sulla lingua il mondo in cui viviamo sono ormai diventate celebri, come i murales con i quali ha «imbrattato» di simboli

Rouge, i suoi personaggi più riconoscibili sono i famosi vermi gialli. Che c’entrano con noi?

«Sono brutti e schifosi, perfetti per raccontare le brutture della società. Ma al tempo stesso risultano piuttosto simpatici e riconoscibili. In fondo ce n’è un po’ in ognuno di noi».

Cosa significa per lei fare satira?

«Non è comicità. Il suo scopo principale non è quello di divertire, ma di far riflettere le persone. Anche se mi piace raccontare la politica e il mondo con una risata. Tutta la satira è di parte. Ogni artista deve avere la propria visione della società, altrimenti non potrebbe criticarla».

Quando ha capito di essere un artista?

«Mi è sempre piaciuto disegnare, ma questa è una dichiarazione abbastanza ovvia. Ho cominciato alla fine delle scuole superiori, allora facevo soprattutto graffiti. Poi mi sono dedicato ad altro fino a 13 anni fa. Ma solo negli ultimi due o tre anni fare l’artista è diventato un lavoro».

Spesso lei fa satira politica o affronta temi d’attualità molto delicati, è mai stato attaccato per il suo lavoro?

Quali sono le tematiche che hanno creato più polemica?

«La vignetta sui controlli in stazione Centrale a Milano, che secondo me sono stati fatti su base «etnica», e quella dove me la prendevo con gli antivaccinisti e con le persone che si affidano solo all’omeopatia rifiutando la scienza. Sono stato molto attaccato».

A cosa sta lavorando oggi?

«A due murales sull’antifascismo a Rho e Milano. Il ritorno delle destre estreme in Italia, come in Europa, è ormai un fatto. Questo tema, insieme al razzismo, è stato quello su cui mi sono concentrato di più nell’ultimo anno. Di recente, invece, ho fatto un laboratorio di fumetti per ragazzi disabili e un murales con i migranti ospitati in via Corelli a Milano».

Continuerà a fare l’artista ancora a lungo?

«Vado avanti finché non mi annoio, ma confesso che a volte mi stancano persino le mie vignette. Infatti uso i laboratori d’arte con i giovani per sperimentare».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.