Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 giu 2022

Sos di Fondazione Ticino Olona "Da anni viviamo in emergenza"

Dalla pandemia ai profughi ucraini, il presidente Salvatore Forte traccia un bilancio preoccupante

8 giu 2022
paolo girotti
Cronaca
Per i profughi in arrivo dalle zone di guerra dell’Ucraina sono stati stanziati ventimila euro
Per i profughi in arrivo dalle zone di guerra dell’Ucraina sono stati stanziati ventimila euro
Per i profughi in arrivo dalle zone di guerra dell’Ucraina sono stati stanziati ventimila euro
Per i profughi in arrivo dalle zone di guerra dell’Ucraina sono stati stanziati ventimila euro
Per i profughi in arrivo dalle zone di guerra dell’Ucraina sono stati stanziati ventimila euro
Per i profughi in arrivo dalle zone di guerra dell’Ucraina sono stati stanziati ventimila euro

di Paolo Girotti

È la prima volta che capita e la Fondazione Ticino Olona ha anche provato a dare un significato a quanto accaduto, ma il dato di fatto è che dopo sedici anni di andamento opposto il numero di richieste di contributi presentate sui bandi ordinari è diminuito e lo stesso si può dire anche a proposito dell’ammontare dei contributi, che non supera il budget messo a disposizione. È questo il dato principale che emerge dai progetti finanziati nei bandi ordinari della Ticino Olona di questa prima parte del 2022: 46 progetti totali per una cifra complessiva che sfiora i 300mila euro (295.400), ai quali aggiungere altri 20mila euro a sostegno dei profughi ucraini.

"Da qualche anno viviamo in emergenza, un’emergenza che si presenta in serie, una dietro l’altra, e in parallelo, coprendo gli stessi spazi e gli stessi tempi. Quando un’emergenza dura così a lungo finisce con il diventare quasi ordinaria e influenzare l’andamento di quelle che erano le ordinarietà consolidate – spiega il presidente della Fondazione, Salvatore Forte, che prova a motivare il perché del calo di richieste -. Non è che siano diminuiti i bisogni o si siano ridotti i volontari, anzi i primi si sono moltiplicati e i secondi sono cresciuti di numero, ma non in numero tale da poter soddisfare l’aumento dei bisogni. Il problema è che quando i bisogni emergenti sono troppi e il tempo resta variabile indipendente occorre fare delle scelte e non rincorrere il tutto. È un segnale di come le due situazioni, straordinaria e ordinaria, finiscono con il condizionarsi a vicenda". I progetti finanziati sono stati approvati in occasione della riunione del cda della Fondazione tenutasi martedì 31 maggio: per il bando Assistenza sociale sono stati finanziati 29 progetti per un totale di 195.200 euro (12 progetti riguardanti l’area degli oratori e dei campi estivi per un totale di 82.600 euro e 17 progetti relativi alle altre aree del sociale per un totale di 112.600 euro); per il bando Arte e Cultura, 13 progetti finanziati per un totale di 73.100 euro, e per il bando Ambiente, infine, quattro progetti per un totale di 27.100 euro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?