GRAZIANO MASPERI
Cronaca

Robecco sul Naviglio, la Porsche per la Polizia locale mette in moto le polemiche

La Macan servirà per il trasporto organi. E’ un’auto confiscata concessa in uso gratuito

La sede della Polizia Locale

La sede della Polizia Locale

Robecco sul Naviglio (Milano), 12 maggio 2023 - Arriverà tra un mese la Porsche Macan fiammante che verrà fornita alla Polizia locale di Robecco sul Naviglio per il trasporto organi. Un’auto veloce, quello che ci vuole per arrivare in tempo a prelevare. Un mezzo costoso, ma che è stato messo a disposizione gratuitamente al comune robecchese poiché confiscato.

Eppure la cosa ha scatenato polemiche a non finire in paese. C’è chi dice che è una vergogna che in un paese che non riesce a realizzare una rotonda all’intersezione con Magenta e un secondo ponte sul Naviglio per snellire il traffico dal centro, si arrivi ad avere una Porsche. E c’è chi punta l’indice sui costi di manutenzione di un veicolo che arriverà gratis, ma che necessiterà fel carburante per circolare. La sindaca Fortunata Barni è dovuta intervenire pubblicamente a smorzare le polemiche che si stavano facendo sempre più accese. "Si tratta di un mezzo salva vita e per noi la vita è la cosa più importante – ha detto – Per questo laddove noi riceviamo un mezzo come questo in maniera gratuita noi diciamo si e lo diciamo con convinzione". Proprio domenica scorsa, quando la polemica era già scoppiata sui social, Areu aveva attivato la Polizia locale robecchese che, con il mezzo attualmente in dotazione si è diretta a Bergamo a prelevare reni e fegato da portare al Niguarda e salvare la vita di un bambino di sei anni. Eppure sui social i commenti si sprecano e alcuni non sono affatto piaciuti al comandante Gianluca Salice.

"Stiamo vagliando con attenzione tutto quanto è stato scritto – ha affermato – se qualcuno ha ecceduto e ha diffamato il nostro operato non esiteremo a presentare denuncia. Quello che facciamo, per quanto concerne il servizio di trasporto organi, è completamente gratuito. Ai cittadini non costa nulla". Da quando è attivo il servizio, voluto dallo stesso comandante e appoggiato dall’amministrazione, i trasporti sono stati in media uno ogni tre settimane. G.M.