Musulmani (Newpress)
Musulmani (Newpress)

Legnano, 13 settembre 2014 - E' un venerdì di passione. Sempre, tutte le sante settimane. All’ora di pranzo, gli automobilisti di fede non islamica restano a “digiuno” di parcheggio. Un calvario, questo, che verrebbe imposto dalla comunità musulmana in via XX Settembre e precisamente nelle immediate vicinanze dell’Associazione culturale italo-araba, un vero e proprio luogo di culto a detta degli stessi fedeli che la frequentano. 
A denunciare alla Polizia locale una situazione definita “inaccettabile e che rischia ora di sfuggire di mano” sono stati i residenti, i commercianti e coloro che lavorano in quella zona. Un fronte comune per dire basta al posteggio riservato solo a chi crede nel Corano. «Tutti i venerdì di preghiera, dalle 12 alle 14 — dice all’unisono la gente che abita in quella zona — davanti ai posti auto pubblici si posizionano delle “sentinelle” avvolti in tuniche e veli. E lì fanno poi parcheggiare solo coloro che credono nella religione islamica. Se non sei uno di loro ti rispondono che quel parcheggio è riservato ad altri. E guai a lamentarsi. Se protesti infatti rischi di essere apostrofato a malo modo. A volte si è rasentata anche la rissa e c’è chi, dopo non aver rispettato il loro assurdo e illegittimo divieto di posteggio, si è ritrovata l’auto danneggiata». Ovviamente nessuna prova certa che gli autori degli atti vandalici siano stati davvero i musulmani che frequentano quella “moschea” allestita in uno scantinato, ma certo è che in questa zona è partita ora più che mai una sorta di crociata a difesa del sacrosanto diritto di posteggiare. 

«Sì è vero — confermano dalla Polizia locale di Legnano — ci sono giunte diverse segnalazioni in tal senso. I controlli da parte nostra non mancano di certo e per ora non abbiamo rilevato nulla di irregolare». «Certo — replicano i commercianti —. I vigili urbani arrivano sempre dopo le 14, quando oramai il problema non esiste più. Non si tratta di voler polemizzare nei confronti di una cultura e una religione diverse dalle nostre, ma solo di non permettere che dei posteggi pubblici si trasformino in privati e gestiti a seconda del Dio in cui credi».