Legnano (Milano), 29 agosto 2018 - Il salotto di piazza san Magno chiude per due mesi, almeno nella parte della piattaforma centrale che ospita gran parte delle sedute normalmente utilizzate dai frequentatori e che sarà sottoposta a un lifting completo a partire dalla prossima settimana. Sono stati gli appalti per gran parte del materiale necessario agli annunciati lavori - dalle nuove panchine, alle tavole in legno della pavimentazione - a dare il segnale dell’ormai vicino via alle opere che interesseranno questa parte del centro cittadino e che renderanno inagibile la piazza centrale per una sessantina di giorni.

La chiusura potrebbe avvenire già da lunedì prossimo, quando è previsto l’arrivo dei mezzi pesanti che scaricheranno nella piazza centrale i new jersey, le protezioni in cemento necessarie per allestire il cantiere e isolare l’ampia area dei lavori. Il progetto di recupero della cosiddetta piastra - la parte leggermente sopraelevata della piazza - è il secondo atto del piano complessivo che interessa il centro città e segue a ruota il recente allargamento dell’area pedonale. Il progetto di restyling prevede tra gli altri interventi la rimozione completa del rasocrete, l’impasto a base di resine utilizzato come copertura di numerose aree della piastra, inserito nel 2015 e giudicato dal progettista, Ermanno Ranzani, ben poco coerente con l’impianto generale. Nel contesto del restyling complessivo della zona, verranno rinnovate anche le panchine e tutti gli elementi utilizzati come seduta, mentre la sostituzione delle parti in legno ormai eccessivamente usurate e rovinate sarà portato a termine rendendo evidente - e non cercando di nascondere - le differenze con le parti, invece, invecchiate bene negli oltre vent’anni di vita della piazza. Resta il fatto che per quest’ultima parte di estate i posti a sedere del cosiddetto «salotto di Legnano» saranno di parecchio ridotti.

Per lavori che inizieranno a breve, ce ne sono invece altri che stanno creando qualche disagio e che proseguiranno ancora per qualche giorno. Tutti in coda, infatti, su viale Cadorna per un restringimento della sede stradale che obbliga a viaggiare su una sola corsia nel primo tratto dell’arteria in ingresso a Legnano e poi fino a via del Carmelo: e se la coda ancora ieri risultava ridotta dalle limitate presenze del classico agosto in città, è invece presumibile che negli orari di punta della prossima settimana la situazione possa farsi un poco più complicata. I lavori hanno l’obiettivo di risolvere un mancato allineamento della sede stradale per quanto riguarda il tratto interessato e quello immediatamente successivo, di fronte alla ex caserma Cadorna. Per questo motivo si sta lavorando riducendo la sezione del marciapiede così da evitare la leggera deviazione.

Per effettuare i lavori è stato però necessario chiudere al traffico una corsia di viale Cadorna e in questi giorni si sono già creati incolonnamenti destinati ad aumentare la prossima settimana, quando il traffico tornerà alla normalità e dovrà convivere con il cantiere.