Quotidiano Nazionale logo
10 mag 2022

La sala Monnalisa… con la scarpetta rossa Un luogo di ascolto accoglie e aiuta le vittime

In Questura a Varese uno spazio aperto a chi ha bisogno di sostegno e protezione

Dal settembre 2020, presso gli uffici della Questura di Varese si trova una sala dedicata all’ascolto delle vittime di violenza. La “Sala Monnalisa” ha accolto numerose donne in cerca di aiuto e protezione, e anche qualche uomo. Abbiamo intervistato la dottoressa Angela De Santis, dirigente della sezione Anticrimine della Questura di Varese.

Cosa rende speciale questo spazio?

"La Sala Monnalisa è arredata come la stanza di una casa per far sì che le donne si sentano a proprio agio, accolte dal calore degli operatori della Polizia di Stato ma anche da un ambiente che infonda serenità e sicurezza".

Perché si chiama così?

"Si chiama così perché al suo interno si trova la riproduzione del quadro della Monnalisa di Leonardo ma con un dettaglio in più; infatti, la donna ritratta tiene in mano una scarpetta rossa, simbolo della lotta alla violenza contro le donne".

Come si presenta la situazione in provincia di Varese rispetto a questo problema?

"Purtroppo, anche la provincia di Varese è colpita da questo fenomeno. Tuttavia, l’attenzione sul tema è elevata da parte di tutti gli Enti coinvolti"

Quante donne hanno frequentato questo spazio nell’ultimo anno?

"Da noi vengono tante donne, ma anche uomini Nel 2021 abbiamo emanato 65 provvedimenti di ammonimento".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?