Quotidiano Nazionale logo
30 apr 2022

Legnano, la piscina al centro dello scontro politico

Riapertura a settembre ma con una sola vasca disponibile. Il malumore di opposizione e società sportive

paolo girotti
Cronaca
Anche per la prossima stagione bisognerà accontentarsi della vasca da 25 metri
Anche per la prossima stagione bisognerà accontentarsi della vasca da 25 metri
Anche per la prossima stagione bisognerà accontentarsi della vasca da 25 metri

di Paolo Girotti

L’impianto natatorio di viale Gorizia, malgrado le difficoltà di gestione determinate dal costo dell’energia, riaprirà i battenti a settembre: se questo appare ormai certo, è altrettanto certo che, a meno di inattese e positive sorprese da qui alla fine di maggio, la sorte della vasca da 50 metri sarà quella di non affiancare la vasca coperta da 25 metri, che resterà così l’unica a fornire corsie disponibili per le società sportive del territorio. L’ipotesi di gestire il rosso in bilancio del doppio impianto, utilizzando la copertura temporanea della 50 metri anche in autunno e inverno, pare infatti al momento già scartata anche per la stagione 202223. è questo il dato di fatto sul quale si troveranno a ragionare gli atleti e i nuotatori che hanno come riferimento l’impianto di viale Gorizia. In aula, giovedì sera, le posizioni di Lega e Lista Toia (poche ore prima i due capigruppo Carolina Toia e Francesco Toia avevano presenziato a un incontro con gli atleti che si allenano alla "Villa") sono entrate in aperto contrasto con quelle dell’amministrazione, tanto che un battibecco tra il sindaco, Lorenzo Radice, e i due consiglieri si è chiuso con i due Toia che hanno abbandonato l’aula per protesta (la consigliera Laffusa ha fatto lo stesso da remoto).

La contrapposizione, però, nasce dalle diverse vedute sul progetto di ristrutturazione dell’impianto e sui fondi da utilizzare, mentre il problema contingente è quello di capire cosa succederà a settembre. "L’impianto riaprirà a settembre – è la conferma del sindaco – e su questo credo si possano dare rassicurazioni. Da qui alla fine di maggio che è la scadenza che abbiamo fissato anche per dare certezza alle associazioni, dovremo solo determinare con quali modalità organizzative potremo arrivare a questo risultato".

Da qui, dunque, può già partire il confronto per comprendere chi e come troverà spazio nelle corsie dell’unica vasca da 25 metri disponibile. E la stagione estiva? Quella è l’altra incognita che non è ancora stata affrontata: ipoteticamente la copertura della vasca da 50 metri potrebbe essere tolta a maggio e il "lido dei legnanesi" potrebbe riaprire a partire dal week end del 5 giugno, ma con una certezza: la vasca da 50 metri non sarà riscaldata.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?