Quotidiano Nazionale logo
2 mar 2022

Il sindaco al consigliere Brumana: "Assurdo speculare sul caro bollette"

E Radice tiene inoltre a precisare: "Il Comune non può intervenire sulle tariffe presso il fornitore del servizio"

paolo girotti
Cronaca
Il sindaco di Legnano Lorenzo Radice replica a Franco Brumana, il consigliere del Movimento dei cittadini che ha attaccato duramente la gestione di Amga
Il sindaco di Legnano Lorenzo Radice replica a Franco Brumana, il consigliere del Movimento dei cittadini che ha attaccato duramente la gestione di Amga
Il sindaco di Legnano Lorenzo Radice replica a Franco Brumana, il consigliere del Movimento dei cittadini che ha attaccato duramente la gestione di Amga

di Paolo Girotti "Sul caro bollette è incredibile che qualcuno speculi usando un populismo da quattro soldi": è con questi toni che il sindaco di Legnano, Lorenzo Radice, entra in rotta di collisione con Franco Brumana, il consigliere del Movimento dei cittadini che nei giorni scorsi aveva attaccato duramente la gestione di Amga, partendo proprio dagli aumenti delle bollette che dovranno sopportare gli utenti allacciati al sistema di teleriscaldamento. Se è vero che gli aumenti dell’energia sono un problema che tutti devono affrontare, è assodato che gli utenti del teleriscaldamento gestito da Amga dovranno sopportare un aumento ancor più elevato, determinato dai "certificati neri" che la società dovrà pagare e che hanno subito un’impennata considerevole. L’aspro dibattito apertosi ora trova elementi di attrito nella percentuale di aumento che a questo secondo fattore andrebbe imputato e nelle responsabilità che Brumana attribuisce ai vertici di Amga. "Trovo incredibile che si speculi – è la posizione assunta da Radice - su un problema vissuto da tutta l’Europa sulla pelle di famiglie e imprese per combattere delle personalissime battaglie contro i nemici giurati della propria azione politica, Amga e Neutalia, e criticare, di riflesso, l’operato dell’amministrazione comunale. Sulle bollette già gravavano aumenti oscillanti fra il 30 e il 40%, dovuti al rincaro delle materia prime, antecedenti allo scoppio della guerra mossa dalla Russia all’Ucraina; una tendenza inasprita e accelerata dal conflitto in corso, tanto da portare i rincari al 100%". Secondo i calcoli effettuati da Radice per gli utenti del teleriscaldamento il rincaro temporaneo da mettere in conto e determinato dai "certificati neri" sarebbe del 5%, calcolato in circa 4050 euro annui a famiglia e da considerare "un’incidenza che si ridurrà percentualmente alla luce del vero problema che è il continuo aumento dell’energia". Non poteva mancare il riferimento "a scelte poco avvedute fatte anni fa ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?