Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
30 ott 2021

Il futuro dell’inceneritore? "Nell’economia circolare"

L’azienda chiamata a subentrare al posto di Accam nella gestione dell’impianto promette la svolta “green“ già adottata in altre città dell’area metropolitana

30 ott 2021
paolo girotti
Cronaca
La riqualificazione del sito è contrastata dagli ambientalisti, che chiedono la chiusura
La riqualificazione del sito è contrastata dagli ambientalisti, che chiedono la chiusura
La riqualificazione del sito è contrastata dagli ambientalisti, che chiedono la chiusura
La riqualificazione del sito è contrastata dagli ambientalisti, che chiedono la chiusura
La riqualificazione del sito è contrastata dagli ambientalisti, che chiedono la chiusura
La riqualificazione del sito è contrastata dagli ambientalisti, che chiedono la chiusura

di Paolo Girotti La macchina deve ancora accendere i motori, ogni aspetto positivo deve ancora essere dimostrato nei fatti, ma il compito che dovrà svolgere in futuro Neutalia, la società chiamata a prendere il posto di Accam nella gestione del termovalorizzatore di Borsano, è già diventata una case history portata ad esempio della "svolta green" nell’economia circolare. In occasione della fiera Ecomondo che si svolge a Rimini, il caso Neutalia è stato presentato in occasione della tavola rotonda "Dalla linearità alla circolarità: simbiosi industriale e valorizzazione degli asset pubblici nella transizione green", organizzata dal gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, Cap Holding, che di Neutalia è anche socio con Agesp Busto Arsizio e con Amga spa di Legnano. Tra i relatori Alessandro Russo, presidente del Gruppo Cap, e il sindaco di Legnano, Lorenzo Radice. "Nel territorio della Città metropolitana di Milano abbiamo creato una vera sinergia che integra il modo dell’acqua e quello dei rifiuti per la produzione di energia pulita, trasformando infrastrutture pubbliche già esistenti in hub di economia circolare in grado di intercettare i flussi urbani e agricoli di materie organiche – ha detto Russo –. Un modello che si costruisce solo con la simbiosi tra azienda e cittadini. Gli impianti costruiti hanno infatti un impatto sulla vita delle persone. La vera sfida per le aziende pubbliche non è solo la performance, ma creare un rapporto di comunità, che ha le sue basi nella fiducia dei cittadini e che si instaura con la trasparenza e la corretta informazione". Le due case history citate da Cap Holding sono state quelle di ZeroC, nata in collaborazione con i Comuni di Sesto San Giovanni, Cormano, Cologno Monzese, Pioltello, Segrate e Cinisello Balsamo per gestire la Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, e appunto Neutalia, la società fondata da Cap ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?