Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
6 mar 2022

Giuramento di fedeltà per i colori biancoverdi

La reggenza della contrada di San Domenico festeggiata dai contradaioli prima nel maniero di via Bixio poi durante la tradizionale cerimonia in chiesa

6 mar 2022
camilla garavaglia
Cronaca
Da sinistra Maurizio Riccio, Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana
Da sinistra Maurizio Riccio, Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana
Da sinistra Maurizio Riccio, Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana
Da sinistra Maurizio Riccio, Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana
Da sinistra Maurizio Riccio, Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana
Da sinistra Maurizio Riccio, Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana

di Camilla Garavaglia C’è una gran voglia di ricominciare a vivere il Palio, a Legnano. A partire dal popolo delle contrade, ovviamente, che non perde occasione per fare festa e per contare i giorni che separano la comunità dall’evento più atteso dell’anno (ed è tutto tranne che un modo di dire). Proprio pochi giorni fa si sono tenute in tutti e gli otto manieri le “cene dei cento giorni“, a suggellare il fatidico conto alla rovescia che porterà la città all’ultima domenica di maggio, tra l’altro – dopo l’edizione fuori dall’ordinario del 2021 – con il sospirato ritorno alla normalità. L’investitura religiosa della reggenza di contrada è un altro di questi momenti e ieri, sabato, si è tenuta quella della contrada San Domenico: i biancoverdi si sono stretti attorno ai reggenti prima al maniero di via Nino Bixio e poi alla chiesa parrocchiale. Purtroppo, la giornata ha visto anche un momento di lutto per il mondo del Palio in generale e per la contrada biancoverde in particolare per via della scomparsa del dottor Alessandro Centinaio, che è stato ricordato a poche ore dalla morte con grande cordoglio. Grande emozione per i reggenti di contrada, che hanno giurato fedeltà, a partire dal gran priore Maurizio Riccio, già in carica dal 2015 al 2018 e tornato reggente dopo il passaggio di consegne con Vincenzo Saitta Salanitri; poi il capitano Moreno Giusti e la castellana Debora Balliana, con la gran dama Anna Croci Candiani e lo scudiero Christian Ferrari. A chiudere la giornata, la tradizionale cena della reggenza: un altro appuntamento che il lockdown e la pandemia avevano rubato alle celebrazioni e che, oggi, finalmente può tornare a calendario. Per la gioia di tutti i contradaioli, di tutti i manieri. La contrada di San Domenico è uno dei rioni più antichi della città, chiamato un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?