Legnano (Milano), 27 giugno 2018 - Alcune - come quella di fatto mai sopita sul disturbo alla quiete dei gheppi in quello che da qualche tempo è diventato il loro habitat naturale - tornano a 12 mesi di distanza, altre escono da un filone abbastanza nuovo in merito alla «deturpazione» dell’ambiente per favorire eventi di ampio respiro: venerdì sera prenderà il via il Rugby Sound e le polemiche di certo continueranno ad essere fra le ospiti non invitate dagli organizzatori. Polemiche che hanno tenuto banco negli ultimi mesi, soprattutto in concomitanza della progettazione e della posa della passerella che collega il Castello al parco, e che hanno visto ancora una volta opposti gli ambientalisti e il gruppo degli organizzatori del festival musicale. Polemiche che, seppur meno vibranti rispetto a quelle che lo scorso anno videro alcuni volatili (i gheppi) baluardo della protesta, non hanno mancato di far discutere. Nel concreto, però, il fatto che il Rugby Sound sarebbe tornato e che la sua location sarebbe stata ancora l’isola del Castello non è mai stato messo in discussione. Prova ne è stata la decisione dell’Amministrazione comunale di realizzare fognature e allacci per il collegamento energetico proprio per favorire l’organizzazione di grandi eventi all’isola del Castello.

Il festival musicale che ogni anno richiama decine di migliaia di appassionati è pronto a partire. Si comincia venerdì con il reggae di Ziggy Marley, per proseguire poi sabato con il rap di Fabri Fibra e Gemitaiz. Domenica all’insegna del pop con il singolare trio composto da Max Pezzali, Nek e Francesco Renga. Lunedì sera toccherà ai Saor Patrol animare l’isola del Castello, mentre martedì sarà la volta dei Lacuna Coil. Sul palco ci saranno anche i Rezophonic. Il 4 luglio spazio ad Alborosie e Mellow Mood, prima di tuffarsi giovedì 5 nella trap di Sfera Ebbasta. Proprio questa è una delle serate più attese per quanto riguarda l’affluenza di pubblico,soprattutto di giovanissimi. Il 6 il Rugby Sound avrà come protagonisti i The Hives e i Ministri, mentre nella serata successiva spazio al Deejay Time. Si chiude col botto domenica 8 con i Negrita. Una rassegna che dà spazio ai generi musicali più diversi, ma anche una rassegna nella quale non mancheranno gli aftershow, le sorprese e le possibilità di divertimento per grandi e piccoli. Oltre a cibo e birra.

Legnano si prepara a vivere la propria seconda edizione del Rugby Sound - il festival era iniziato come «festa del rugby» a Parabiago, per poi crescere fino a trasferirsi l’anno scorso nella città del Carroccio -, con la speranza che il numeroso pubblico possa non limitarsi a frequentare l’area del Castello. Il Rugby Sound, infatti, potrebbe davvero giovare alla città soltanto se anche il centro e le sue attività commerciali fossero coinvolte in qualche forma.