Villa Cortese-Minerva Milano 4-2
Villa Cortese-Minerva Milano 4-2

Villa Cortese (Milano), 22 aprile 2018 - Davide contro Golia. Così si potrebbe riassumere lo scontro della penultima di campionato di serie C fra il Villa Cortese e il Minerva Milano. La quinta in classifica con 53 punti contro l'undicesima con 38 e, nonostante il netto divario e le numerose assenze, il Villa Cortese ha giocato forse la più bella partita del campionato portando a casa una vittoria particolarmente significativa. Sì, perché oggi dopo 18 anni di carriera ha appeso le scarpette al chiodo una veterana gialloblù, Noemi Stefanetti, difensore (all'occorrenza anche portiere) di talento, che ha contribuito all'ascesa del Villa alla serie C. Era da circa un anno che Stefanetti non giocava ma la squadra l'ha fortemente voluta in campo per salutare con un'ultima partita i campi di gioco ed anche per far fronte ad una situazione d'emergenza: Bertolasi squalificata, Panarelli e Seveso non al cento per cento (poi entrate nel secondo tempo) e Vitrano fuori per una distrazione del legamento del ginocchio.

Sotto un sole quasi estivo, le ragazze giocano con un segno rosso sulla guancia per la giornata contro la violenza sulle donne. Dopo soli 5' è il Minerva, in maglia nera, ad andare in vantaggio con il numero 10 Stucchi, che di testa non sbaglia. Pareggia il conto poco dopo Alluvi ,che corregge in porta un calcio d'angolo. Il Villa Cortese gioca con personalità e determinazione e con il duo Albizzati-Tipaldi è spesso pericoloso. Il Minerva prova a reagire e lo fa prima con un colpo di testa di Duina su calcio d'angolo, poi con un tiro di Stucchi, parato da Asnaghi. Alla mezz'ora arriva il vantaggio gialloblù e porta la firma di Tipaldi, su passaggio di Alluvi. Ci prova anche Caneva ma il suo tiro finisce fuori. Al 36' arriva il pareggio del Minerva, complice un'uscita azzardata del portiere gialloblù. Stefanetti ci mette una pezza sull'incursione di Oro sulla destra e poco prima del fischio dell'arbitro, Serrao sfiora il palo sinistro.

Nella ripresa Seveso entra al posto di Gentile, colpita da crampi. Per il Minerva esce Orzi ed entra Nicola. Al 10', ancora Serrao colpisce la traversa e al 12', poco prima di lasciare il campo a Panarelli accompagnata dall'applauso del pubblico, Stefanetti ci prova di testa su angolo per il Villa. Al 14' Asnaghi si rifà bloccando un tiro insidioso di Serrao. Al 16' l'arbitro assegna una punzione alle padroni di casa: va Seveso, ma non ha problemi ad intercettare il portiere del Minerva. E' il turno di Flamini su passaggio di Tipaldi, ma il suo tiro è fuori misura. Mister Magurno richiama in panchina Palermo per Minaudo. Le gialloblù spingono sull'acceleratore e al 36' trovano il gol del 3-2 con Tipaldi lanciata dal portiere, che supera la metà campo cerca e trova la bomber del Villa che non sbaglia. Ora il Villa è padrone del campo e al 41 ci prova ancora con Tipaldi con un sinistro di pregevole fattura che finisce fuori di poco. E' il preludio al 4-2 siglato da Alluvi, abile a sbrogliare un'azione confusa nell'area del Minerva. Nei 3' di recupero, c'è ancora spazio per un altro tentativo di Tiopaldi, fuori di un niente. Al triplice fischio dell'arbitro, scoppia la gioia delle ragazze del Villa Cortese che corrono incontro al loro pubblico, poi si radunanto attorno a Stefanetti che, appese simbolicamente le scarpette alla rete, è portata in trionfo dalle compagne.