Mercato immobiliare

Lecco, 6 febbraio 2018 – Mercato del mattone in ripresa a Lecco, sia per quanto riguarda i prezzi delle case, sia per quanto riguarda gli affitti. Per comperare un appartamento a Lecco la spesa media è di 1.981 euro al metro quadrato, l'1,8% in meno rispetto all'anno scorso e il 2,6% in meno rispetto al semestre scorso, ma lo 0,7% in più in confronto all'ultimo trimestre. Anche i prezzi degli affitti stanno aumentando, segno di una maggiore richiesta. La media del costo per gli affitti attualmente si è assestata sugli 8,40 euro al mq, il 2,2% in più rispetto all'anno scorso, lo 0,4% in meno rispetto al precedente semestre e lo 0,4% in più in confronto all'ultimo trimestre.

Sull'altra sponda del Lario, a Como, comperare casa costa mediamente 2.190 euro al metro quadro, una delle cifre più alte in tutta la Lombardia, dietro solo a Milano. I prezzi sono in costante aumento, rispettivamente dell0 0,3%, dell'1,3% e dell'1,4% rispetto all'anno scorso, all'ultimo semestre e al trimestre. Per affittare un'abitazione occorrono invece 10,25 euro al mq, una cifra inferiore dello 0,8% rispetto all'anno scorso ma superiore del 2,8% sia rispetto all'ultimo semestre che all'ultimo trimestre.

“Analizzando l’andamento dei prezzi richiesti per gli acquisti di immobili residenziali nelle città capoluogo di provincia, le uniche che hanno registrato valori stabili o leggermente in ripresa sono Como e Lodi - spiegano gli esperti dell'Osservatorio immobiliare di Immobiliare.it, portale internet di operazioni immobiliari -. Il settore degli affitti in Lombardia ha ripreso vigore in modo molto più rapido rispetto a quello delle compravendite e lo dimostra l’andamento dei due settori del mattone.  Sul mercato residenziale in regione, nel corso del 2017 i canoni di locazione richiesti sono aumentati del 2,5% rispetto al 2016, mentre i prezzi degli immobili in vendita hanno proseguito sul trend di ribasso perdendo l’1,5%”.

È Cremona la città più economica della Lombardia per quanto riguarda gli acquisti di abitazioni: dopo un calo annuo del 2,9% la cifra media richiesta è pari a 1.179 euro/mq. L’oscillazione maggiore è quella registrata a Varese, dove nel 2017 i prezzi hanno perso il 3,2%. Ricalcando quanto sta accadendo a livello nazionale, anche in Lombardia il mercato delle locazioni è in maggiore ripresa. L’andamento dei canoni, infatti, nel corso del 2017 è positivo in quasi tutte le città della regione, a eccezion fatta di Como, Cremona e Mantova, dove comunque le oscillazioni non hanno neppure raggiunto l’1% in negativo. Dopo Milano, è Como la città con i costi degli affitti più alti. Segue Monza con 9,32 euro/mq, prezzo medio cresciuto dell’1,3% in un anno. A cavalcare più velocemente il diffuso trend di risalita dei canoni sono state Lecco e Lodi, dove i valori nel 2017 sono aumentati rispettivamente del 2,2% e 1,9%. Anche nel caso delle locazioni è Cremona la città più economica, con una richiesta media di 6,18 euro/mq (-0,9%). Non si è superata la soglia dei 7 euro neppure a Sondrio e Mantova, dove la cifra rilevata si è fermata rispettivamente a 6,68 e 6,85 euro/mq.