Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Valmadrera: Aerosol, produzione e stipendi ancora in alto mare

I 66 lavoratori dell'azienda chiedono garanzie su un futuro che per ora è fosco

di FABIO LANDRINI
Ultimo aggiornamento il 7 marzo 2018 alle 07:41
Dipendenti Aerosol fuori dalla sede della Provincia di Lecco (Cardini)

Valmadrera (Lecco), 7 marzo 2018 - I 66  lavoratori della Aerosol Service sono in attesa di capire quale sarà il futuro dell’azienda. Domani pomeriggio, alle 15, i dipendenti dell’azienda cosmetica e farmaceutica saranno sotto gli uffici della Provincia di Lecco in presidio. Al tavolo, invece, si siederanno il padrone di casa, il vicepresidente Giuseppe Scaccabarozzi, i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil, Confindustria e i vertici della azienda di Valmadrera.

"La produzione non può riprendere a causa della mancata sistemazione delle prescrizioni ricevute dall’Arpa e dai vigili del fuoco – spiegano Nicola Cesana (Filctem Cgil), Enrico Ferni (Femca Cisl) e Celeste Sacchi (Uiltec Uil) –. La ragione, come succede ormai da tempo, è legata alla mancanza di liquidità, la stessa che ha portato i dipendenti a essere in arretrato, con oggi, di cinque mesi di stipendio. In questo senso, l’impegno più importante assunto dall’amministratore unico di Aerosol, Giovanni Bartoli, al tavolo di crisi istituzionale alla Provincia di Lecco, ad oggi non risulta essere stato rispettato: il dirigente si era impegnato a sottoscrivere un aumento di capitale necessario per consentire la ripresa della produzione ma quei soldi (500mila euro, ndr) al momento non sono ancora arrivati".

A questo punto, i lavoratori e le organizzazioni sindacali ritengono che l’unica strada percorribile alternativa al fallimento della società sia consentire a chi è realmente intenzionato a portare avanti l’attività industriale di farlo. "Ma non a speculare – proseguono –. Serve che rilevi questa attività che può essere ancora importante e redditizia. È del tutto evidente che qualora l’atteggiamento della proprietà e di Bartoli siano di chiusura a questa possibilità, la risposta dei lavoratori sarà durissima e nessuna strada possibile, legale e contrattuale, verrà esclusa". Dopo l’incontro dello scorso 14 febbraio, sempre al tavolo provinciale, era stato sbloccato uno stipendio. Alla fine i sindacati erano riusciti a strappare qualche promessa. La settimana successiva il Consiglio di amministrazione si è trovato per un aumento di capitale che sarebbe dovuto essere effettuato grazie a un nuovo partner industriale interessato a rilevare l’azienda, ma di questa cosa ancora non si hanno notizie. Il lavoro sarebbe dovuto ripartire lunedì 26 febbraio, con un incremento dal 5 marzo. Ma così non è stato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.