Il papà Andrea Rusconi con i due figli
Il papà Andrea Rusconi con i due figli

Lecco, 14 aprile - Riccardo ha appena 11 anni, suo fratello più grande Federico ne ha 13. Da domenica sono orfani: il loro papà, Andrea Rusconi, è morto all’età di 45 anni, la loro mamma Rita li aveva invece già lasciati per un brutto male il 27 dicembre 2018, il giorno del suo 47esimo compleanno. Adesso sono lo zio paterno Stefano "Nino" e zia Enrica a prendersi cura di loro, con il supporto dei nonni Silvana e Roberto. Con gli zii, che hanno un bimbo di 6 anni loro cuginetto, hanno però adottato i due ragazzini anche i tanti amici di Valmadrera dove il babbo era nato e cresciuto, di Ballabio dove abitava, di Pescarenico dove lavorava e di Olate, il rione di Lecco di dove era originaria la mamma.
I molti nuovi papà e  nuove mamme hanno già raccolto per loro in poche ore 5mila euro e molti di più ne verranno certamente donati affinché chi se ne prenderà cura possa crescerli almeno senza troppe difficoltà economiche. A promuovere la raccolta fondi sono gli atleti dell’Associazione sportiva dilettantistica Grignetta che papà Andrea, appassionato di montagna e Valsassina, aveva fondato l’anno scorso a febbraio proprio in memoria e ricordo di sua moglie Rita. "Il dolore e lo sgomento per la prematura scomparsa di Andrea è troppo grande – spiega Flavia Innocenti dell’Asd Grignetta –. Lascia due figli già orfani di madre. Proprio per esprimere vicinanza e dare aiuto ai suoi ragazzi abbiamo promosso una raccolta fondi".
La solidarietà e la vicinanza, segno di gratitudine verso Andrea e di affetto verso Riccardo e Federico, non si sono lasciate attendere, in meno di un giorno sono stati devoluti migliaia di euro da un centinaio di donatori, molti dei quali anonimi, ciascuno secondo le proprie possibilità. "Ci siamo e siamo in tanti accanto a Riccardo e Federico", ribadisce anche a nome del collega di Ballabio don Benvenuto Riva il parroco di Valmadrera don Isidoro Crepaldi, che ieri con lui ha celebrato il funerale del giovane papà, a cui hanno partecipato veramente in tanti, al punto che l’estremo saluto è stato trasmesso pure in diretta web perché la chiesa e il sagrato non hanno potuto accogliere tutti quanti volevano rendere omaggio ad Andrea e far sentire il loro abbraccio a Riccardo e Federico. "Non dimenticheremo Andrea, gli volevano tutti bene – aggiunge il sindaco di Ballabio e amico Giovanni Bruno Bussola -. E non dimenticheremo né lasceremo soli i suoi figli che ora sono i figli di tutti noi".