Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 apr 2022

Ortopedico sì, ma a chiamata

I disservizi e le lamentele all’ospedale Leopoldo Mandic

20 apr 2022
Il personale de. ll’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate
Il personale de. ll’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate
Il personale de. ll’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate
Il personale de. ll’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate
Il personale de. ll’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate
Il personale de. ll’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate

Ortopedico in servizio solo a chiamata la notte, le domeniche e i festivi. Succede all’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate. Anche a Pasquetta, quando statisticamente incidenti e infortuni sono più numerosi per le migliaia di persone che si riversano in strada con qualsiasi mezzo e affollano prati, boschi, montagne e lago per la tradizionale gita fuoriporta del lunedì dell’Angelo, proprio come accaduto ieri.

A causa dell’assenza di un ortopedico di guardia attiva, cioè fisicamente presente in ospedale, due pazienti di 23 e di 65 anni che si sono lussati il primo un gomito e l’altro un ginocchio e hanno dovuto aspettare per ore fino a notte prima di essere curati e dimessi. Il medico di turno in Pronto soccorso da cui sono stati visitati e sottoposti a tutti gli accertamenti del caso, che hanno appunto permesso di diagnosticare le lussazioni, non è stato infatti in grado da solo di ridurre e ricomporre la lussazione, nonostante lavori in un reparto di emergenza dove simili problematiche sono praticamente all’ordine del giorno, e nemmeno inizialmente ha voluto allertare l’ortopedico reperibile per richiamare in ospedale il collega camice bianco e chiedergli di provvedere lui. Solo dopo parecchie insistente dei pazienti, che hanno dovuto reclamare parecchio e alzare pure la voce per essere curati subito, l’ortopedico in pronta reperibilità è arrivato. Può succedere e spesso capita tutte le notti appunto, la domenica e durante le feste: salvo la necessità di interventi estremamente urgenti, i pazienti vengono o ricoverati oppure rispediti a casa in sicurezza per essere poi visitati dall’ortopedico solo il giorno seguente. Vale non solo per le lussazioni, ma pure per le fratture, rotture di femori compresi, sebbene l’accreditamento di un ospedale come Dea, cioè di Dipartimento di emergenza urgenza e accettazione preveda che siano garantiti interventi diagnostico-terapeutici anche di ortopedia e traumatologia.

Daniele De Salvo

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?