Lecco, 16 maggio 2018 – Un Patto locale per la sicurezza urbana sui treni e nelle stazioni della Milano – Lecco. Dopo l' aggressione di un poliziotto fuori servizio intervenuto a dar man forte a un capotreno, il ferimento di due carabinieri ad Airuno e l' arresto di un baby rapinatore, il pestaggio di un commerciante vicino alla stazione a Olgiate Molgora, il prefetto di Lecco Liliana Baccari ha convocato i vertici delle forze dell'ordine provinciali e i rappresentanti di Trenord, tra cui l'amministratore delegato Cinzia Farisè, e di Rfi per mettere a punto un piano di difesa dei viaggiatori e di chi sui lavori lavora. Al vertice hanno partecipato anche gli assessori regionali ai Trasporti Claudia Maria Terzi e alla Sicurezza Riccardo De Corato. “La sicurezza sui treni, dei passeggeri come del personale, resta la priorità di Regione Lombardia – spiegano i due assessori del Pirellone -. Occorre invertire la rotta e potenziare le misure di controllo, fermo restando che esiste un problema di impunità legato alle leggi in materia e alle loro effettive applicazioni". E ancora: “I Patti locali di sicurezza urbana rappresentano una sperimentazione che partirà dalle stazioni e dalle tratte che evidenziano le maggiori criticità su cui ancora occorre definire nel dettaglio modalità, tempi e comuni interessati al finanziamento. Il percorso, appena cominciato, prevede una implementazione del servizio di polizia locale fuori dalle stazioni, un incremento della sicurezza all'interno e sulle banchine, il contrasto al bivacco nei pressi esterni”.