La squadra dopo il 2-2 al Seregno che vala la vittoria nei playoff
La squadra dopo il 2-2 al Seregno che vala la vittoria nei playoff

Lecco, 27 maggio 2016 - I tifosi della Calcio Lecco scrivono al sindaco. In una lettera aperta Luca Baldo e tutta la squadra chiedono a Virginio Brivio e alle istituzioni di fare di tutto per evitare il fallimento della società, che equivarrebbe al fallimento di un'intera città.

«Nel nostro incontro con i rappresentanti del comune, che ci hanno spronato a fare il nostro dovere sul campo, si era convenuto un reciproco impegno: noi per quanto riguardava la performance sportiva, loro per la vicinanza istituzionale e l’impegno a verificare tutte le possibilità locali per un rilancio della squadra.

Ora, i giocatori del Lecco e lo staff nel loro insieme questo impegno sportivo l’hanno largamente onorato. L’istituzione locale ha onorato il fatto di starci vicini in queste settimane di confusione e disorientamento. Adesso siamo a chiedere, in considerazione delle ultime vicende giudiziarie, un impegno istituzionale per ricercare soluzioni praticabili dal punto di vista societario che non vanifichino i nostri sforzi sportivi.

Chiediamo al sindaco, alla giunta comunale, all’assessore Corrado Valsecchi, che ha seguito la squadra dagli spalti per tutto l’anno, di verificare tutte le strade che possano trovare interlocutori e sponsor credibili per poter accedere all’iscrizione in Lega Pro. Sarebbe un peccato che un’impresa sportiva come la nostra si concludesse con il fallimento della società adesso che si può contare, qualora ripescati, anche sul contributo economico della Federazione.

Chiediamo pertanto al sindaco, a Corrado Valsecchi e all’assessore Stefano Gheza di farsi parte diligente e promotori di un’azione di verifica immediata che possa chiudere una stagione ottima sul piano sportivo con una gratificazione gradita per noi e i tifosi: l’iscrizione alla Lega Pro.

Siamo certi, vista la disponibilità dimostrata precedentemente, che i soggetti istituzionali destinatari del presente appello risponderanno positivamente. Noi e la città di Lecco non vogliamo fallire!».