Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 giu 2022

Lario, la folla c’è solo sulle schede Ballottaggio in vista

13 giu 2022

C’era il record di candidati sindaco, ben 8, e di liste addirittura 15, ma quelli che sono mancati sono gli elettori, confusi o forse delusi di fronte alla proposte dei partiti. In attesa di conoscere chi andrà al ballottaggio tra due settimane a Como, al termine dello spoglio dei voti che comincerà domani mattina, il dato inequivocabile è la scarsa affluenza alle urne: alle 12 nei 15 Comuni al voto compreso il capoluogo e la città di Erba, aveva votato il 15,91% degli aventi diritto e alle 19 la percentuale è raddoppiata al 33,08% comunque lontana (6 punti percentuali in meno) rispetto al dato registrato cinque anni fa. Non è andata molto meglio nelle province di Lecco e Sondrio dove la prova del voto era meno significativa con 3 e 7 Comuni, e alle urne alle 19 si era presentato rispettivamente appena il 42,99% e il 35,48% degli aventi diritto. Affluenza definitiva a Campodolcino (66,53%) e Valfurva (62,06%) e nella lecchese Ello (74,53%). A Rovello Porro si chiude al 47,1% contro il 54% di 5 anni fa. Se l’elezione del sindaco non ha scaldato gli animi i cinque referendum li hanno letteralmente gelati: in provincia di Como ha votato solo il 19,9%, a Lecco il 18,36% e a Sondrio il 16,39% alle 23. Lo stress elettorale è finito presto per Piero Righetti e Dario Corvi, già alle 19 quando nei loro due paesi, Blessagno in provincia di Como e Aprica in provincia di Sondrio, si è superato il quorum, i due che correvano in solitaria hanno avuto la certezza matematica di essere diventati sindaci. Roberto Canali

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?