Quotidiano Nazionale logo
19 feb 2022

La sfida di un architetto Costruire un bosco per api

Merate, ha ereditato un terreno dal nonno: "Potrei realizzare case ma preferisco destinarlo a un progetto a favore della biodiversità"

daniele de salvo
Cronaca
Sotto Edmondo Jonghi Lavarini, architetto milanese di 50 anni
Sotto Edmondo Jonghi Lavarini, architetto milanese di 50 anni
Sotto Edmondo Jonghi Lavarini, architetto milanese di 50 anni

di Daniele De Salvo Un bosco delle api. Vuole farlo crescere a Merate Edmondo Jonghi Lavarini, architetto milanese di 50 anni. È presidente del movimento di tutela dell’ambiente Bee2Bee e ceo di due startup innovative, oltre che "nipote d’arte" di un apicultore da cui, insieme alla passione per le api, ha ereditato un appezzamento di 3mila metri quadrati dove intende piantare 300 alberi da fiore per nutrire le api che si stanno estinguendo anche in provincia di Lecco. "Mio nonno era un apicultore di Merate ma dal 1986 in poi le api che gestiva sono morte tutte per un insetto parassita – racconta Edmondo –. Il terreno dietro casa su cui gestiva la sua attività sarebbe edificabile, ma lui non ha mai voluto costruirci sopra e come lui anche io che l’ho ereditato. Intendo infatti destinarlo ad un progetto per la produzione artigianale, ecologica e naturale del miele per favorire la biodiversità e il giusto equilibrio della natura, che sono gli obiettivi del movimento che ho fondato". La pianta che ha scelto è la paulownia, essenza asiatica però non infestante. "Cresce in fretta, assorbe molta anidride carbonica e purifica il terreno da sostanze inquinanti – spiega l’ambientalista –. Inoltre regala fioriture di uno splendido colore". Per impiantare il bosco delle api l’architetto delle api chiede però aiuto e lancia una raccolta fondi in rete. Il suo appello è stato rilanciato pure dal sito dell’Onu con un videomessaggio: "In seguito alla pandemia l’apicultura ha subito seri danni. Le api sono poco più indipendenti di un animale domestico, sono animali di fattoria. Le api devono essere accudite e curate quotidianamente, altrimenti morirebbero di stenti e di malattie e sappiano bene che se morissero tutte le api il nostro futuro diventerebbe molto problematico". Da qui l’importante progetto di agricoltura biologica e di prossimità. Il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?