Quotidiano Nazionale logo
25 gen 2022

La caserma cade a pezzi Appello dei vigili del fuoco

Lecco, corsa contro il tempo e la burocrazia per la nuova struttura del Bione "Sono stati commessi troppi errori", mancano rimesse e magazzini

daniele de salvo
Cronaca
La vecchia caserma dei vigili del fuoco di Lecco
La vecchia caserma dei vigili del fuoco di Lecco
La vecchia caserma dei vigili del fuoco di Lecco

di Daniele De Salvo Di miracoli la patrona santa Barbara ne ha compiuti molti, ma quello della nuova caserma dei vigili del fuoco di Lecco ancora no. Nemmeno lei sembra in grado di sconfiggere burocrazia e lungaggini per accogliere le suppliche dei cento soccorritori del 115 lecchese che da un quarto di secolo reclamano una nuova “casa“, perché quella attuale del Bione cade a pezzi. Ad oggi esiste solo uno studio di fattibilità con un progetto tecnico-economico di massima chiuso in un cassetto dal 2019. Arrivare alla sola redazione delle tavole definitive entro fino anno, come auspicato dal comandante provinciale Angelo Ambrosio, sembra già un prodigio, poiché un semplice pensionamento di un funzionario responsabile della procedura con relativo passaggio di consegne al successore ha bloccato l’intero iter, figuriamoci quanto bisognerà poi attendere per la pubblicazione del bando di gara, l’affidamento dell’appalto, l’allestimento del cantiere, l’inizio dei lavori e il taglio del nastro tricolore, ricorsi e fallimenti permettendo. A denunciare quanto sta avvenendo o meglio non sta avvenendo sono i sindacalisti dei vigili del fuoco in forze al comando provinciale di Lecco. "Come nella migliore anzi peggiore tradizione che riguarda la pubblica amministrazione si sta assistendo ad un tentativo continuo di evitare le responsabilità da parte dei dirigenti apicali", scrivono in una nota congiunta i segretari provinciali Edgardo Lanfranchi di Co.na.po, Andrea Pandini di Cgil Fp e Giuseppe Marsiglione dell’Usb. Ci stanno andando di mezzo i “fireman“ lecchesi costretti a lavorare in un ambiente non adatto, ma ci rimettono anche tutti i contribuenti, sia perché costosi mezzi di soccorso come autobotti, autopompe, furgoni e altre attrezzature d’emergenza da centinaia di migliaia di euro rimangono esposti alle intemperie per mancanza di rimesse e magazzini, sia perché si continuano a pagare affitti per diversi immobili dove si trovano da una parte la sede ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?