Quotidiano Nazionale logo
10 mar 2022

Santa Maria Hoè: omicidio Padre Tentorio, presto al via il processo a mandante e killer

Il missionario fu assassinato nelle Filippine il 17 ottobre 2011

daniele di salvo
Cronaca
featured image
Padre Tentorio

Santa Maria Hoè - L’ora della verità si avvicina. Comincerà entro fine aprile il processo contro i presunti assassini di padre Fausto Tentorio, il missionario del Pime di Santa Maria Hoè che la mattina del 17 ottobre 2011 è stato crivellato di colpi fuori dalla sua parrocchia di Arakan, nelle Filippine. L’imputato numero uno è Ricardo Boryo Dorado, ex capovillaggo di 66 anni ritenuto il mandante dell’agguato mortale. Gli altri accusati sono i due fratelli Jimmy e Robert Ato che sarebbero i killer ed esecutori materiali del delitto inizialmente arrestati per un incendio e poi lasciati andare, Jan Corbala che è uno dei comandanti del 57esimo battaglione di stanza a Makilala e tra i capi del gruppo paramilitare "Bagani" e tre suoi militari sottoposti: Kaing Labi, Hoseph Basol ed Edgar Enoc, tutti soldati regolari. Avrebbero ucciso il religioso perché un “prete scomodo“ che difendeva dai latifondisti e dagli sfruttatori minerari i Manobo e i Lumad, che sono gli abitanti originari del posto. Alla sbarra potrebbe esserci solo la mente della spedizione letale, che è uno pezzi grossi del movimento "Ilaga" di integralisti cristiani immigrati che combattono contro gli islamici delle comunità locali per scipparne appunto le terre. Gli altri sei risultano infatti tutti tecnicamente latitanti, sebbene nessuno li avrebbe mai nemmeno cercati. Si teme tuttavia che nemmeno lui si presenti in aula del tribunale: ha chiesto di tornare a piede libero su cauzione. Ieri era in programma l’udienza già rinviata più volte proprio per decidere sulla sua scarcerazione, però nessuno dei supertestimoni che lo inchioderebbero si è presentato davanti al giudice incaricato del caso. Per ora rimane in cella ma senza ulteriori prove potrebbe essere rimesso in libertà prima dell’inizio del processo e "nascondersi" a casa propria, accaduto per 18 mesi prima che qualcuno si decidesse ad arrestarlo. "Nulla e nessuno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?