Colico, 9 dicembre 2017 - Per una volta arriva una tassa che piace. Così a Colico operatori turistici e amministratori si sono trovati d’accordo sull’imposta di soggiorno che dal 1° gennaio sarà applicata ai turisti che sceglieranno il paese in cima al lago per lo loro vacanze. L’amministrazione comunale attuale aveva annunciato in campagna elettorale che lo avrebbe fatto e ora concretizza il progetto che, secondo stime al ribasso, dovrebbe portare nelle casse comunali circa 80mila euro all’anno che saranno reinvestiti in attività turistiche. «La riunione è stata molto partecipata con tantissimi operatori a dimostrazione che il tema è sentito – spiega l’assessore al Turismo Sabrina Rabbiosi –. C’è stato nel complesso accordo sulle scelte da fare e sull’importanza di introdurre questa tassa, perplessità invece sul fronte burocrazia con gli addetti del settore preoccupati per le spese di riscossione. Una questione che abbiamo già preso in considerazione e stiamo valutando l’acquisto di software che permetterà agli operatori di entrare nel sito per fare i versamenti e così via».

I numeri del turismo a Colico sono in netta crescita con oltre 140 case-vacanza iscritte all’albo a cui si aggiungono i vari campeggi e gli alberghi. «La copartecipazione di tutti gli operatori mi soddisfa molto – afferma Rabbiosi –, abbiamo deciso di allestire un tavolo di concertazione con un rappresentate per categoria, per poi decidere come investire la tassa. Rispetto ad altri Comuni limitrofi è encomiabile il fatto che abbiamo messo esenzioni per i ragazzi con meno di 16 anni così da non gravare sulle famiglie e la tassa si paga solo per i primi 15 giorni di vacanza». La Giunta non ha ancora definito l’ammontare della tassa giornaliera ma saranno tre le fasce: dai campeggi fino agli alberghi. L’assessore Rabbiosi sottolinea che il ricavato «sarà destinato ad attività turistiche e culturali. Colico sta crescendo moltissimo e il nostro ufficio turistico è info point “In Lombardia” il che rappresenta un grande volano. Ma vogliamo fare sempre di più e avere questa entrata che dal turismo contribuisce a far crescere il turismo dando anche servizi migliori ai colichesi è un risultato di grande valore».