Lecco, 8 novembre 2019 - Alvin è tornato in Italia, atterrato a Fiumicino con un volo di linea Alitalia  giunto da Beirut. Il bambino di 11 anni, ha potuto riabbracciare il papà e le due sorelle. "#Alvin è in Italia! Ora è tra le braccia del padre e delle sorelle", scrive in una nota la Croce Rossa, determinante nella liberazione del bambino albanese dal campo profughi di Al Hol, in Siria, dove si trovava da tempo, dopo l'arruolamento della madre che lo aveva  sequestrato e portato via dall'Italia per unirsi all'Isis. 

"Papà, ti prego portami a casa, voglio tornare a scuola"

Diceva Alvin al padre, intercettato al telefono nel corso delle indagini della Procura Antiterrorismo di Milano. "Ti avevo promesso che saresti tornato", gli sussurra il padre mentre lo abbraccia commosso. Adesso il piccolo parla solo l'arabo, ha dimenticato l'italiano e non ricorda neppure i suoi vecchi giocattoli portati dalle sorelline in aeroporto. Gli orrori dell'Isis e la follia jihadista della madre sembrano aver cancellato il suo passato e soffocato quelle urla intercettate al telefono, quando gridava: "Papà ti prego, portami a casa". Ma restano le lacrime del papà a raccontare cinque anni di angoscia finalmente terminata. "Ora sei grande, quasi un ometto", gli sussurra papà Afrim.

"Ci colpirono le grida di dolore dalla Siria del piccolo e come lui chissà quanti"

Ha raccontato nello scalo romano di Fiumicino il procuratore Antiterrorismo di Milano, Alberto Nobili. Il piccolo Alvin è sceso stamani dall'aereo vestito con jeans, giubbotto blu e cappellino rosso.  E' bastato il gesto "batti il 5" per rompere il muro di diffidenza iniziale di Alvin verso le persone che lo prendevano in consegna al confine tra Siria e Libano per restituirgli il ritorno a casa, in Italia. Lo ha riferito Maria Josè Falcicchia, dirigente dello Scip che con i suoi collaboratori ha avuto un ruolo chiave in questa delicata fase che ha poi riportato in Italia l'11enne albanese. " Alvin è un bambino - ha detto commossa Falcicchia  - che guarda e sorride. Parla solo arabo, mentre capisce e scambia qualche battuta in albanese". Lingua italiana no, almeno per ora così sembra. Un buco che potrebbe anche essere frutto di un blocco psicologico. Ad ogni modo, nonostante queste difficoltà, "non sono state necessarie tante parole, non è stato difficile stabilire un contatto. Con 'batti il 5' ci siamo riusciti subito. Non volevamo essere invadenti, abbiamo pian piano recuperato la sua fiducia negli altri". 

"La mamma di Alvin voleva fargli scordare completamente il suo passato in Italia" 

È quanto ha affermato all'aeroporto di Fiumicino, Marco Rosi, comandante del reparto antiterrorismo del  Ros dei carabinieri, che ha attivamente partecipato all'operazione che ha consentito il rimpatrio del bambino. "Dopo essere diventata diventata foreign fighter, oltre ad avere cambiato nome al proprio figliolo con il nome di Yusuf, voleva fargli dimenticare l'italiano e parlare solo l'arabo. Poi quando è deceduta con l'esplosione di una bomba, grazie all'aiuto della Croce Rossa e delle Ong, abbiamo individuato il campo dove si trovava il piccolo - ha concluso  Rosi - e dopo tutta una serie di interventi in cooperazione, siamo finalmente riusciti a riportarlo in Italia".

"Adesso attendiamo che il viaggio termini definitivamente verso casa sua, a Barzago, con l'obiettivo che possa ritrovare la serenità che merita un ragazzino della sua età"

Commenta il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. "Regione Lombardia - aggiunge Fontana - nel ringraziare ancora una volta la task force, e in particolare la Croce Rossa Italiana, che ha riportato in Italia il piccolo, conferma tutta la propria disponibilità per ciò che può attenere alle proprie competenze"