Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il ricordo di Lucio Battisti per il sindaco di Molteno è diventato un incubo legale

Lecco "Non diventi un sacrario per i fan"

Ultimo aggiornamento il 12 aprile 2014 alle 20:56

Molteno (Lecco), 13 aprile 2014 - Non c'è pace per Lucio Battisti, il più noto cantautore italiano morto a 55 anni di età. Il suo nome, oltre che nelle intramontabili canzoni e nei ricordi delle decine di migliaia di fan, continua a riecheggiare pure nelle aule di tribunale. È stato notificato infatti nei giorni scorsi il ricorso in Cassazione presentato dagli eredi contro il sindaco di Molteno, il paese dove il compositore si era trasferito alla fine degli anni ‘70 in una villa costruita vicino a quella dell’amico e paroliere dei suoi più grandi successi Giulio Rapetti Mogol. Oggetto del contendere è sempre la manifestazione estiva “Le parole, le emozioni”, una kermesse promossa nel 1999 dal primo cittadino dell’epoca Fernando De Capiani proprio per commemorare il compianto artista, un’iniziativa però mai avvallata dalla vedova Grazia Letizia Veronese, alias Velezia, tanto da spingerla a intentare causa ai vertici dell’Amministrazione comunale per “sfruttamento indebito dei diritti di immagine”

In primo grado i giudici le hanno dato ragione, condannando i responsabili dell’ente pubblico a un risarcimento di 40mila euro più altri 40 di interessi, spese legali e pubblicazioni della sentenza sugli organi di informazione. Dal canto loro gli esponenti istituzionali locali hanno sì provevduto subito a staccare l’assegno con l’indennizzo pattuito, ma hanno pure presentato ricorso in Appello. Il 14 giugno i magistrati di secondo grado hanno così ribaltato il pronunciamento, sostenendo che gli eventi promossi non avevano “alcuno scopo di lucro”, perché completamente gratuiti. I familiari del compositore dopo aver restituito i soldi incassati hanno tuttavia, come preannunciato, presentato a loro volta ricorso ai togati della Suprema corte, cui adesso spetta l’ultima parola. Quando il caso verrà discusso e quindi quando verrà emesso il definitivo verdetto è presto per saperlo. Anche in simile frangente dal Comune hanno comunicato che resisteranno in giudizio.

«Non possiamo altrimenti, siamo obbligati ad opporci perché si tratta di denaro dei contribuenti - spiega il sindaco Mauro Proserpio -. Ma avremmo agito comunque allo stesso modo anche in assenza di tali imposizioni, perché riteniamo che la memoria di Lucio Battisti appartenga all’intera collettività». Proprio per questo motivo non ha nemmeno mai cercato un possibile accordo con i parenti del cantautore: «Per adesso la manifestazione è sospesa, non sarebbe corretto nei confronti di chi deve dirimere la questione, ma non sarebbe corretto vincolare le scelte future».

Se i giudici sanciranno nuovamente il diritto dell’Amministrazione a ricordare il cantante, che sino al 6 settembre 2013 ha riposato nel cimitero locale prima che i resti venissero traslati in Romagna, non è dunque escluso che la manifestazione possa essere ripresa. Che poi è proprio quello che vogliono scongiurare gli eredi, i quali comunque - contrariamente alle voci diffuse - nel piccolo centro brianzolo, continuano saltuariamente a trascorrere qualche periodo nella dimora di Dosso Coroldo, che non hanno venduto e a quanto pare non hanno intenzione di cedere.

di Daniele De Salvo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.