Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 apr 2022

Tav, completati gli scavi del tunnel di base sul lato francese

Abbattuta l'ultima parete di roccia, la soddisfazione della società incaricta dei lavori: pronti e operativi dal 2032

28 apr 2022
Oggi a Saint-Martin-la-Porte in Francia � stato completato lo scavo dei primi 10,5 km del tunnel di base della Torino-Lione. Nella tarda mattinata, con una cerimonia alla presenza di Hubert Du Mesnil e Mario Virano, rispettivamente presidente e direttore generale di Telt, � stato abbattuto all'interno della galleria l'ultima parete di roccia che congiunge i 9 chilometri scavati dalla fresa e l'ultimo chilometro e mezzo realizzato con metodo tradizionale, Saint Martin Laporte, 28 Aprile 2022. ANSA/US TELT/Caroline Moureaux
Tav, completati gli scavi sul lato francese
Oggi a Saint-Martin-la-Porte in Francia � stato completato lo scavo dei primi 10,5 km del tunnel di base della Torino-Lione. Nella tarda mattinata, con una cerimonia alla presenza di Hubert Du Mesnil e Mario Virano, rispettivamente presidente e direttore generale di Telt, � stato abbattuto all'interno della galleria l'ultima parete di roccia che congiunge i 9 chilometri scavati dalla fresa e l'ultimo chilometro e mezzo realizzato con metodo tradizionale, Saint Martin Laporte, 28 Aprile 2022. ANSA/US TELT/Caroline Moureaux
Tav, completati gli scavi sul lato francese

Oggi a Saint-Martin-la-Porte, in Francia, è stato completato lo scavo dei primi 10,5 km del tunnel di base della Tav Torino-Lione. Nella tarda mattinata, con una cerimonia alla presenza di Hubert Du Mesnil e Mario Virano, rispettivamente presidente e direttore generale di Telt, è stato abbattuto all'interno della galleria l'ultima parete di roccia che congiunge i 9 chilometri scavati dalla fresa e l'ultimo chilometro e mezzo realizzato con metodo tradizionale.

È stata questa la parte più complessa, in uno dei punti più delicati della montagna tra Francia e Italia per la presenza di una lunga faglia carbonifera. Si tratta, hanno sottolineato i vertici di Telt, la società incaricata di costruire e gestire la nuova infrastruttura, del secondo cantiere dei lavori definitivi dell'opera che si conclude "nel rispetto dei tempi e dei costi", dopo quello per la realizzazione del portale d'ingresso a Saint-Julien-Montdenis terminato nell'autunno 2021. Parallelamente sono già iniziati i lavori assegnati nel luglio dell'anno scorso per completare il tratto francese del tunnel in cui passeranno i treni. L'opera impegna attualmente oltre mille persone nei 10 cantieri aperti fra Italia e Francia.

"Oggi è per noi una giornata di grande soddisfazione - ha detto Virano - questo ultimo chilometro e mezzo di lavoro ci ha consentito di acquisire tutti gli elementi conoscitivi da mettere nei capitolati in modo che le imprese che devono scavare la galleria gemella a 50 metri di distanza (la seconda canna del tunnel, ndr) non abbiano più la scoperta delle criticità ma sappiano già quello che si troveranno e che cosa dovranno fare". "Tutti i tre miliardi e 300 milioni di euro di lavori che abbiamo appaltato - ha sottolineato Virano - sono in fase di avvio. Dovranno essere ordinate le frese, poi saranno l'installati i cantieri. E a fine anno chiuderemo la negoziazione della gara italiana: prevediamo di firmare il contratto all'inizio del nuovo anno, Ucraina permettendo sul fronte dell'approvvigionamento dei materiali". "La previsione - ha aggiunto - è quella di finire tutti i lavori nel 2030, compreso anche l'allestimento tecnologico. Poi ci sarà circa un anno e mezzo di pre-esercizio e di prove: saremo quindi pronti e operativi a partire dal 2032".

Virano ha spiegato che mentre con la fresa si scavava a un ritmo dai 15 ai 30 metri al giorno, con il metodo tradizionale del martellone idraulico la velocità scende a 30-50 centimetri al giorno. Per sostenere le pareti della galleria devono essere messe delle centine di acciaio che scorrono una dentro l'altra e possono deformarsi, in modo da non spezzarsi. Quando la montagna è assestata viene fatto il rivestimento in calcestruzzo che blocca il tutto. Si parte scavando una galleria di diametro piccolo, che viene via via rinforzata e allargata fino alla dimensione definitiva.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?