di Alberto Levi Ai tempi del coronavirus lavorare da casa è diventata la normalità per tanti, ma c’è chi ha fatto dello smart working un’opportunità. Parliamo di manager o businessman che sognavano di trascorrere diversi mesi in luoghi da sogno e oggi hanno avuto la possibilità di realizzare questo desiderio, fuggendo dalle metropoli a rischio Covid. È quello che accade nei resort Soneva alle Maldive, sold out fino a oltre metà marzo. La clientela – che non batte ciglio di fronte ai costi di un soggiorno alla portata di pochi, anche alcune migliaia di euro al giorno – proviene un po’ da tutto il mondo, ma con una prevalenza di inglesi. Non mancano gli...

di Alberto Levi

Ai tempi del coronavirus lavorare da casa è diventata la normalità per tanti, ma c’è chi ha fatto dello smart working un’opportunità. Parliamo di manager o businessman che sognavano di trascorrere diversi mesi in luoghi da sogno e oggi hanno avuto la possibilità di realizzare questo desiderio, fuggendo dalle metropoli a rischio Covid. È quello che accade nei resort Soneva alle Maldive, sold out fino a oltre metà marzo. La clientela – che non batte ciglio di fronte ai costi di un soggiorno alla portata di pochi, anche alcune migliaia di euro al giorno – proviene un po’ da tutto il mondo, ma con una prevalenza di inglesi. Non mancano gli italiani, supermanager che arrivano con l’aereo privato, qualche indiano e qualche cinese. Il luogo è paradisiaco ma non ha nulla di eccessivamente formale: maglietta e shorts sono la divisa d’ordinanza.

Ogni resort è un rifugio di pace in cui rilassarsi con un po’ di sabbia bianca e cristallina tra le dita dei piedi, dopo tutto lo stress accumulato a causa della pandemia. Al Soneva Fushi e al Soneva Jani, come un novello Tom Hanks si può allo stesso temo lavorare in un ufficio Castaway di tre ore sul banco di sabbia con un pranzo al sacco una volta alla settimana, e nel pomeriggio trasferirsi in un ufficio su un’isola privata con un cocktail al tramonto una volta alla settimana. Al Soneva Jani, resort e sei stelle, situato sull’Isola di Medhu Faru, in una laguna di 5,6 km nell’Atollo Noonu, si può anche lavorare dal ristorante rustico all’aperto, il Crab Shack che si trova proprio sulla spiaggia. Dimenticata la routine quotidiana, alle Maldive trovare il massimo equilibrio tra lavoro, studio e relax è un gioco da ragazzi. Spazio e divertimento per tutti i componenti della famiglia sono assicurati.

Si parte la mattina con una sessione privata di yoga e meditazione per aiutare a concentrare la mente. Con l’offerta Workation ognuno può trovare il proprio angolo di lavoro, sia che si preferisca lavorare insieme nei salotti e nelle sale da pranzo, sia che si preferiscano le camere da letto, le biblioteche o gli studi. Tutte le ville sono dotate di internet ad alta velocità, con connessioni super veloci disponibili su richiesta. Al di fuori dello studio, i bambini e gli adolescenti possono trovare diverse attività nel club per bambini, dove ogni giorno c’è un nuovo programma ispirato all’apprendimento. Quando la giornata di lavoro finisce, si può scegliere di andare al cinema, mangiare in uno dei ristoranti del posto, rilassarsi con trattamenti termali, mantenersi in forma con lo yoga e l’allenamento personale in palestra, incontrare amici vecchi e nuovi, o semplicemente rilassarsi in spiaggia.

"Molti dei nostri ospiti sono imprenditori indaffarati che bramano una via di fuga dai divieti di viaggio e dai blocchi che ostacolano il loro stile di vita – spiega Sonu Shivdasani, Ceo e fondatore di Soneva – La nostra offerta di lavoro è un’opportunità per gli ospiti di ritrovare un po’ di normalità e libertà senza doversi preoccupare di essere tagliati fuori dai loro impegni di lavoro a casa. Soneva è sempre stata come una “casa lontano da casa” per i nostri ospiti, e adesso non fa eccezione! Ora possono lavorare dalla loro ‘casa’ Soneva per tre o quattro settimane alle Maldive o in Thailandia e gestire la loro attività da una villa di lusso".