Quotidiano Nazionale logo
8 dic 2021

In Italia si andrà in pensione a 71 anni. Ecco perché. Previsioni e allarme dell'Ocse

Le previsioni sull'evoluzione del sistema pensionistico a causa delle riforme e dell'invecchiamento della popolazione

fabio lombardi
Economia

Chi comincia a lavorare oggi andrà in pensione a 71 anni. Parola di Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) che facendo il punto sui sistemi pensionistici europei, ha confrontato le situazioni attuali e lo sviluppo futuro dei sistemi previdenziali.

E mentre in Italia c'è sempre all'ordine del giorno la riforme delle pensioni, con l'addio a Quota cento e lo spostamento in là della pensione di anzianità a partire dal 2022 (per poi tornare progressivamente ai 67 della riforma Fornero) per le nuove generazioni il traguardo sarà ancor più lontano.

Per la generazione che accede ora al mondo del lavoro la pensione arriverà a 71 anni, un'età tra le più alte di tutti i paesi Ocse, secondi solo ai lavoratori danesi ed in compagnia di Estoni e Paesi Bassi. A fotografare la situazione e illustrare lo scenario futuro, è il nuovo Rapporto dell'Ocse sul sistema pensionistico che parte dalla considerazione di come negli ultimi due anni l'impatto drammatico della pandemia sia stato assorbito nei paesi Ocse che hanno protetto i pensionati e il diritto alle pensioni future.

La situazione attuale

Attualmente invece l'età del pensionamento nel Belpaese è sotto la media, 61,8 anni contro i 63 per effetto di una serie provvedimenti, che - a partire da Quota 100 - hanno permesso negli ultimi anni un'uscita anticipata dal mercato del lavoro. Un sistema che comunque prevede diverse possibilità per andare in pensione anticipatamente: da Opzione donna al Contratto di espansione.

Boom della spesa pensionistica

Uscite anticipate pagare "a caro prezzo", visto che nel 2019 la spesa pensionistica pubblica dell'Italia si è collocata al secondo posto tra le più alte dei Paesi dell'Ocse, pari al 15,4% del Pil. Quota 100 infatti ha permesso di andare in pensione a 62 anni, vale a dire in anticipo di cinque anni rispetto all'età pensionabile prevista dalla legge, avendo versato 38 anni di contributi. Un'eccezione prevista oltre che in Italia, solo in Spagna con meno di 40 anni di contributi, con il Belgio che richiede 42 anni, la Francia 41,5 anni e la Germania 45 anni.

Età della pensione: la classifica europea

Nel 2020 l'età media della pensione tra le più altre è a 67 anni in paesi come Norvegia e Islanda e la più bassa in Turchia (52 anni). 

Invecchiamento della popolazione

Ma aldilà del caso italiano, la sfida pensionistica dei prossimi decenni sarà per tutti mantenere un sistema sostenibile di fronte all'invecchiamento della popolazione. Si prevede che la popolazione in età lavorativa diminuirà di oltre un quarto entro il 2060 nella maggior parte dei paesi dell'Europa meridionale, centrale e orientale, nonché in Giappone e Corea e «mettere su solide basi i sistemi pensionistici - sottolinea l'Ocse - in futuro richiederà dolorose decisioni politiche».

Europa sempre più grigia

Basti pensare che in media nell'Ocse, le persone di età superiore ai 65 anni ricevono l'88% del reddito della popolazione totale. Le persone di età superiore ai 65 anni ricevono attualmente circa il 70% o meno del reddito medio disponibile a livello economico in Estonia, Corea, Lettonia e Lituania e circa il 100% o più in Costa Rica, Francia, Israele, Italia, Lussemburgo e Portogallo. Generalmente, sulla base dei vari interventi dei diversi paesi l'età pensionabile normale aumenterà di circa due anni in media in tutta l'Ocse entro la metà degli anni 2060: l'età media di pensionamento futura sarà di 66 anni con le donne che manterranno un'età pensionabile normale più bassa rispetto agli uomini in alcuni Paesi: Colombia, Ungheria, Israele, Polonia e Svizzera.

Il futuro delle pensioni in Italia

In Italia si arriverà alla pensione a 71 anni per effetto del regime introdotto nel 1995 che adegua le prestazioni pensionistiche all'aspettativa di vita e alla crescita e sarà pienamente efficace solo intorno al 2040. E nel nostro Paese la necessità di equilibrio tra invecchiamento della popolazione crescita dell'occupazione sarà cruciale: nel 2050 infatti ci saranno 74 persone di età pari o superiore a 65 anni ogni 100 persone di età compresa tra i 20 e i 64 anni, uno dei rapporti più alti dell'Ocse. Negli ultimi 20 anni, la crescita dell'occupazione, anche attraverso carriere più lunghe, ha compensato più della metà della pressione dell'invecchiamento demografico sulla spesa pensionistica che comunque però è aumentata del 2,2% del Pil tra il 2000 e il 2017. Che l'occupazione cresca per il futuro pensionistico sarà quindi particolarmente importante. Il sistema comunque non potrà rimediare a profonde disparità tra i diversi trattamenti: per i lavoratori autonomi si prospetta un futuro con pensioni più basse del 30% rispetto a quelle di un dipendente con la stessa anzianità contributiva, a fronte di una media Ocse che è del 25%.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?