La ripresa dell’attività di Malpensa dopo l’anno del Covid
La ripresa dell’attività di Malpensa dopo l’anno del Covid

Malpensa (Varese) - Un altro segnale che dà speranza: al Terminal 1 di Malpensa da venerdì scorso sono operativi tutti i satelliti avendo riaperto anche quello sud, destinato come il centrale ai voli dell’area Schengen, mentre quello nord è per i voli extra Schengen. Si guarda dunque alle prossime settimane e al traffico estivo per spingere il rilancio dell’aeroporto che ha subito un drammatico calo del traffico a causa della pandemia, fino all’85%.

Certo sarà difficile rivedere l’aerostazione già affollata la prossima estate come nel 2019, anche se la situazione per quanto riguarda l’emergenza sanitaria è in netto miglioramento, i contagi sono diminuiti e prosegue la campagna vaccinale, quindi c’è voglia di riprendere a viaggiare. I prossimi mesi devono essere quelli della ripartenza su cui punta Sea, la società che gestisce gli scali milanesi, che proprio per l’impegno e per gli interventi attuati per contrastare la diffusione dei contagi a garanzia della sicurezza dei passeggeri ha ottenuto importanti riconoscimenti. Ora l’attenzione è rivolta ai voli estivi, un primo segnale di rilancio dell’aeroporto. Si sono già mosse le compagnie nelle scorse settimane con l’annuncio di nuovi collegamenti, come Wiz Air con voli da giugno per Casablanca e Sharm el Sheik . Anche easyJet, da 15 anni a Malpensa, ha annunciato voli diretti al Sud e verso le isole (Catania, Napoli, Brindisi, Palermo, Lamezia Terme) e prenotazioni subito decollate. 

Si amplia anche l’offerta dei voli Covid tested che da questo mese riguarderanno anche Emirates. Per quanto riguarda il traffico nelle prossime settimane secondo le previsioni per il mese di giugno i movimenti dovrebbero passare da 924 alla settimana a 1350, i passeggeri da 100.564 alla settimana (mese di maggio) a 156.600. In aumento il traffico verso destinazioni europee (+ 64%), rispetto alle destinazioni extra Schengen (+36%) e italiane (+33%). La crisi non ha toccato invece il settore cargo, che conferma la costante crescita e la posizione leader in Italia di Malpensa: nei primi quattro mesi del 2021 l’incremento è stato del 35% rispetto allo stesso periodo del 2019. E proprio ieri a cargo city la visita all’hub di Dhl Express Italy della vicepresidente di Regione Lombardia e assessore al Welfare Letizia Moratti che ha sottolineato l’importanza strategica del centro logistico dove arrivano e vengono smistati i vaccini contro il Covid. Ora l’attenzione è rivolta al traffico estivo, "vedremo se le previsioni positive saranno confermate – dice Luigi Liguori, segretario generale della Filt Cgil di Varese – al momento la situazione a Malpensa resta ancora abbastanza critica, il 50% degli addetti aeroportuali, circa 10mila lavoratori sono in cassaintegrazione, prorogata fino al 31 dicembre, sarà il traffico invernale a dire se per Malpensa sarà davvero cominciata la ripresa".