Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Industria, la crisi morde ancora: in Lombardia boom di metalmeccanici licenziati

I numeri dell'Osservatorio della Fim-Cisl: cala la cassa integrazione ordinaria mentre le procedure di mobilità registrano un'impennata

Ultimo aggiornamento il 4 settembre 2018 alle 14:31
Operaio al lavoro in un cantiere navale (foto di repertorio Imagoeconomica)

Milano, 4 settembre 2018 - Nelle imprese metalmeccaniche della Lombardia si impennano i licenziamenti, che crescono del 118% da gennaio 2018. Lo evidenzia il 45esimo rapporto sulle situazioni di crisi dell'Osservatorio della Fim-Cisl Lombardia, relativo al primo semestre dell'anno, presentato questa mattina nella sede regionale Cisl di via Vida a Milano.

I numeri dicono dunque che nei primi sei mesi dell'anno la cassa integrazione ordinaria cala del 6,5% (passando da 6.847 lavoratori del semestre precedente agli attuali 6.402) e quella straordinaria del 39,21% (che passa
da 1.961 a 1.190a ddetti), mentre le procedure di mobilità registrano un'impennata al 59%, con un conseguente aumento del 118% dei licenziamenti (che salgono dai precedenti 393 agli attuali 856). "Se consideriamo il calo degli interventi di cassa integrazione straordinaria (cigs) in riferimento alla ripresa decisa della mobilita', possiamo dedurre che alcune imprese abbiano finito il periodo di utilizzo degli ammortizzatori sociali conservativi e si trovano, quindi, nelle condizioni di dover procedere a riduzioni del personale", osserva il segretario della Fim Lombardia, Andrea Donega.

La procedura di mobilità si avvia, infatti, quando un'impresa, a causa di crisi, ristrutturazione o riorganizzazione, che l'ha portata a usufruire della Cigs, non riesce a reinserire tutto il personale.  A livello territoriale, le province che
hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali sopracitati nel primo semestre 2018 sono Milano (39,49%), Brianza (19,63%), Varese (7,62%) e Bergamo (7,03%). Seguono Brescia e Cremona con il 6% circa e poi gli altri territori con sospensioni minori. Il report dell'Osservatorio della Fim conferma, tuttavia, la contrazione delle imprese coinvolte da situazioni di crisi. Il dato, infatti, è pressoché stabile a 324 imprese, mentre si riduce dell'8,18% il numero dei lavoratori complessivamente coinvolti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.