Quotidiano Nazionale logo
24 mag 2021

Gruppo Fs, il Recovery viaggia in treno

featured image
Gruppo Fs, il Recovery viaggia in treno

POTENZIAMENTO dei collegamenti ferroviari, nuovi treni, intermodalità e logistica, manutenzione stradale. Con, complessivamente, 62 miliardi di euro di investimenti, la mobilità sostenibile è al centro del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Tra gli obiettivi figurano la riduzione delle emissioni attraverso il trasferimento del traffico passeggeri e merci dalla strada alla ferrovia; l’aumento della connettività e della coesione territoriale attraverso la riduzione dei tempi di viaggio; la digitalizzazione delle reti di trasporto; e l’aumento della competitività dei sistemi produttivi, in particolare del Sud. Nell’ambito della cosiddetta ‘cura del ferro’, una parte consistente di tali risorse, pari a 24,77 miliardi di euro, sarà destinata al potenziamento dei collegamenti ferroviari in Italia. Un importante investimento – spiega il Mims – è quello relativo allo ‘Sviluppo del sistema europeo di gestione del trasporto ferroviario (Ertms)’ al quale il Piano destina 2,97 miliardi di euro. L’investimento si pone l’obiettivo di aggiornare i sistemi di sicurezza e segnalazione esistenti, garantendo così, con anticipo rispetto alle scadenze fissate dall’Ue, la piena interoperabilità con le reti ferroviarie europee e l’ottimizzazione della capacità e delle prestazioni della rete con, di conseguenza, benefici anche sul trasporto ferroviario regionale e sulla frequenza del traffico dei pendolari in entrata nelle principali aree urbane del Paese. In tale scenario il nuovo indirizzo strategico del Gruppo FS Italiane, guidato dall’amministratore delegato Gianfranco Battisti (a destra in alto) è quello di accelerare, andando anche oltre l’orizzonte del Recovery Plan, l’ implementazione di Ertms su tutti i 16.800 km della propria entro il 2036. Un obiettivo che – sottolinea FS – si pone in armonia con gli investimenti tecnologici di rinnovo degli apparati di stazione digitali già in corso, andando progressivamente a sostituire i sistemi di segnalamento preesistenti con una tecnologia tutta digitale ed interoperabile. Operativo in Italia da oltre 10 anni, scelto dall’Unione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?